giovedì 24 gennaio 2013

I farmaci generici nella terapia HIV sono meno efficaci e diminuiscono l'aspettativa di vita?

Mi spiace tornare su un argomento che ho appena trattato, cioè la terapia dell' HIV, perchè è arrivata una notizia importante dagli Stati Uniti pubblicata sull' Annals of Internal Medicine, dove si dimostra che i farmaci generici antiretrovirali  sono meno efficaci nel trattamento per quanto riguarda l'AIDS.

Il trattare HIV con utilizzo di farmaci generici richiede la somministrazione di tre compresse invece che di una, la combinazione con il generico secondo lo studio pubblicato è meno efficace, inoltre il passaggio da una compressa a tre aumenta il rischio di sviste, questo comporta una diminuzione dell'efficacia del trattamento e una diminuzione dell'aspettativa di vita.

Nel dettagli la terapia nei nuovi pazienti è una singola compressa Atripla da assumere giornalmente che unisce tre antiretrovirali (tenofovir, emtricitabina ed efavirenz)  il generico si chiama lamivudina che è una molecola che ha stesse proprietà dell' emtricitabina, a breve è stata annunciato anche un generico per efavirenz, questa nuova terapia farebbe tornare alle tre somministrazione in virtù del risparmio

In teoria il trattamento è simile ma i dati dello studio mostrano risultati diversi, si parla di Atripla una diminuzione della carica virale dell' 84% (studi precedenti ne indicavano 89% ) mentre l'associazione di  Tenofovir, Lamivudina e Efarenz il 78%.
Se la principale motivazione è la minore spesa, siccome le molecole del trattamento dell HIV sono note dalla metà degli anni '90, i farmaci antiretrovirali  devono costare ancora cosi tanto dopo tutti questi anni?


Questo studio ci fa tornare sulla polemica dei farmaci generici o farmaci di marca, la mia opinione che è stata molto contestata ma che invitava alla cautela nel considerare i farmaci generici dei farmaci uguali agli altri, sono dei farmaci con lo stesso principio attivo ma diversi, pertanto nel rilascio delle autorizzazioni alla vendita dovrebbero seguire lo stesso iter dei nuovi farmaci, cosa che invece non avviene perchè si da per certo che siccome il principio è noto non debbano seguire lo stesso iter.

Le ragioni in realtà della fretta di fare accettare i farmaci generici nasce dalla spinta delle assicurazioni e dei stati per diminuire la spesa medica. Nel corso del 2013 sono programmate diverse iniziative finanziate anche dall'Unione Europea per la promozione dei farmaci generici in tutta Europa.

Credo che bisognerebbe almeno differenziare un conto è un farmaco generico per un male di gola, diverso è il caso di patologie più complesse non penso solo alle terapie anteretrovirali per HIV, penso per esempio anche alle malattie cardiovascolari, dove l'uso dei generici meritebbe più attenzione, poiche come nel caso dell' HIV la diminuzione dell'efficacia e dell'aspettativa di vita non sono motivazioni superficiali.

Riferimenti: Renslow Sherer, MD "Generic Antiretrovirals and the Uncertain Future of HIV Care in the United States" Annals of Internal Medicine, Gennaio 2013


13 commenti:

  1. Sempre interessantissimo ciò che dici e le problematiche delicate che riesci ad esporre con competenza e senso critico. Sai, senza andare a scomodare i discorsi sulla sanità (per i quali bisognerebbe poi andare a confessarsi o tenere come minimo la corona del rosario in mano)... credo che tu abbia ragione: forse per certe patologie particolari bisognerebbe avere un occhio di riguardo, per valutare quale sia la cura migliore. Dovrebbero esserci dei farmaci testati e veramente efficaci.. soprattutto a costo accessibile. E' assurdo chiedere ad un malato di acquistarli se fa già fatica a comprarsi il pane quotidiano: o muore di fame o muore di malattia! Speriamo che si trovi un giusto compromesso e che persone sofferenti possano trovare reale sollievo.. Un abbraccio carissimo, proprio forte!

    RispondiElimina
  2. mi trovo d'accordo: i farmaci generici NON sono la stessa cosa di quelli etici; in primo luogo hanno limiti di tolleranza elevati ed imbarazzanti rispetto all'etico, in secondo luogo una delle prime cose che mi hanno insegnato è l'importanza del "veicolo" per la biodisponibilità e i generici in questo senso sono liberi di fare quello che vogliono!
    Finchè parliamo di un banale raffreddore o di una contusione ok ma qui stiamo parlando di aspettativa di vita! Boh resto sempre allibita!

    RispondiElimina
  3. Ecco Gunther, io sono sempre stata contraria ai farmaci generici e quello che leggo qui, non può che confermare la mia diffidenza.. che poi non voglio pensare a quanti soldi prendano le casa farmaceutiche su persone che non possono fare a meno ti seguire una terapia come in questo caso.. Bè secondo il mio modesto parere, i problemi bisognerebbe risolverli alla fonte. In Italia i farmaci costano molto di più che all'estero, e già non si capisce bene il perchè.. stessi farmaci, non simili. A me è capitato una volta sola di prendere un farmaco generico perchè in farmacia era senza dell'originale ed ho avuto a parte un bello sfogo cutaneo anche l'inefficacia del farmaco.. Quindi a mio avviso dovrebbero rispettare maggiormente il cittadino e mettere i farmaci originali ad un prezzo accessibile a tutti. Nessuno in fondo li prende per divertimento ma solo per necessità. Un saluto e grazie per i tuoi post sempre interessantissimi e aggiornati

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con i commenti precedenti e col post. Ci sarebbe molto da scavare nell'ambito medicinali e relativi interessi economici .
    Ciao :)

    RispondiElimina
  5. Io quando leggo notizie del genere mi spavento perchè capisco che dietro una malattia c'è una guerra tra case farmaceutiche, tra farmaci e il povero malato si trova in mezzo.
    Se passi da me c'è un pensiero per te, spero di tuo gradimento. Un abbraccio

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Come al solito i tuoi post sono molto interessanti! Concordo con te, i farmaci generici non sempre hanno la stessa efficacia di quelli etici. Purtroppo i costi di quest'ultimi sono elevati e una persona che non riesce ad arrivare a fine mese come può permettersi di curarsi? Ci sono molti interessi economici nell'ambito delle case farmaceutiche, ma chi ne subisce è il malato che dovrà fare i conti con la tasca e la malattia! Ciao

    RispondiElimina
  7. sui farmaci generici te lo avevo detto anche tempo fa il medico di mia nonna ha detto assolutamente di non usare quelli generici per la sua malattia. Post interessante come sempre

    RispondiElimina
  8. sempre interessanti i tuoi post!io uso dei farmaci per il diabete e gli stessi medici mi consigliano di evitare i generici, peccato che in questo caso non ho l'esenzione ticket.
    p.s. mi ricordo innumerevoli trasmissioni tv dove insistevano sulla efficacia dei farmaci generici

    RispondiElimina
  9. Gunther...siamo diventati "carne da macello"( modo di dire toscano, puoi facilmente capirne il significato).

    Io nn sono pessimista, ogni giorno mi alzo con il sorriso e se nn ce l'ho faccio di tutto per trovarlo.

    Ma se ci penso bene...si risparmia pure sulla vita umana...( anche in sala operatoria...)

    Ciao gunther, magari con un quadrotto di cioccolata riusciamo a farci passare il nervoso!

    RispondiElimina
  10. Molto interessante questo discorso sui farmaci generici. Siamo stati indotti a credere che siano in tutto e per tutto identici ai farmaci di marca, ma se così non fosse sarebbe bello approfondire, perchè ci sono tanti farmaci, che se anche non pensati per la cura di gravi malattie, tante persone assumono quotidianamente, per esempio i farmaci contro l'ipertensione.
    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  11. Ciao Gunther,come puoi immaginare qui a Londra Hiv/Aids ha avuto un effetto devastante,io stessa posso pensare a tante persone che non ci sono piu'.Ho il sospetto che ci troviamo di fronte ad un grande problema etico,profits before people.E purtroppo e' un problema ricorrente e non certo circoscritto al mondo della sanita'.. Avrai capito che sono una pessimista.. Un bacione.

    RispondiElimina
  12. sono assolutamente daccordo con te per quanto riguarda la differenziazione delle patologie...
    quando si tratta di semplici malanni, mi sta benissimo (per quanto ad esempio io, nel caso di un mucolitico, abbia potuto constatare personalmente che il generico è stato meno efficace del farmaco "di marca"...a fronte oltretutto di un vantaggio economico per le mie tasche praticamente inesistente)
    ma per patologie così serie, come al solito si tende a speculare sulla salute della gente pur di risparmiare sulla spesa....e fa ancora più arrabbiare sapendo poi come vanno sprecati i soldi risparmiati sulla pelle della gente :-(

    un abbraccio Gunther, MARA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi