mercoledì 23 gennaio 2013

Domande e Risposte, lavorare o mangiare da Mc Donald's?

Ho ricevuto nei giorni scorsi sia molti commenti che molti email relativi al post "lavorare o mangiare da McDonald's", per rispondere a tutti in modo chiaro e semplice ho deciso di aprire un post apposito perché ci tengo ad rispondere a tutti quelli che mi hanno scritto sopratutto farlo pubblicamente, mi sento di farlo per una forma di rispetto per coloro che capitano su queste pagine e vengono a leggermi.


Perché non vado a mangiare da Mcdonald's
Molti me lo hanno chiesto, non sono snob, ho quasi 50 anni, una famiglia numerosa, vado poco a mangiare fuori, ma se devo andare per me andare al ristorante è una bella tavola imbandita con servizio al tavolo, se no devo occuparmi di tutti come faccio a casa diventa complicato. Non è il tipo di cucina che mi piace, la carne non è mai stata una mia abitudine frequente, solo che quando sono a Milano, sono da solo e il Mcdonald's vicino casa mia è a due passi dai Panzerotti di Luini, e tra un Happy Meal e un panzerotto di Luini, scelgo sempre il panzerotto di Luini.


Panzerotti di Luini o Mc Donald's?
Però voglio dare una strizzata d'orecchio a Luini, io non dico che in questi anni avrebbe dovuto aprire negozi di Luini in tutti il mondo, non dico aprire più punti vendita in Italia, ma in cinquanta anni avrebbe potuto ampliare questo negozio di due vetrine, che costringe tutti a mangiare fuori in piedi come ai cavalli, sotto qualsiasi tempo, freddo, pioggia, afa, visto che in 50 anni ha venduto panzerotti a tutti, qualche soldino deve averlo anche messo da parte, possibile che non ha potuto investire qualcosa per migliorare il servizio ai clienti? Due tavoli e due sedie!
E' facile poi parlare male di Mc Donald's che però offre posti a sedere comodi e in centro, questo bisogna anche dirlo!

Torniamo al mondo del lavoro, io non sono un esperto del mondo del lavoro è bene sottolinearlo ma mi esprimo per quello che vedo per quello che conosco nell'ambiente in cui vivo e frequento.


1) Giovani Choosy, vero o falso?
Io non credo che i giovani siano schizzinosi, più che altro parlerei di giovani truffati, di giovani sprovveduti. di giovani illusi con poca conoscenza della  realtà, di giovani in stage permanente, proprio in questi giorni periodo di elezioni si parla sempre più spesso di giovani e mondo del lavoro, il loro voto ingolosisce i partiti ma cosa faranno non è chiaro, ma il mondo del lavoro va percepito nella sua interezza, il non lavoro tocca sì giovani ma la loro difficoltà di inserimento parte da più lontano.

Mi ha scritto Luca 42 anni ingegnere con 1 figlio, laureato in ingegneria nucleare e unico lavoro che ha trovato negli ultimi 5 anni è voltare hamburger dopo anni di tanti anni di sacrifici. 
Luca però anche tu ti vai  a laureare in ingegneria nucleare quando Italia ha rinunciato all'energia nucleare, io capisco approfondire una sua cultura ma forse avresti dovuto capire che la politica energetica del tuo paese era orientata verso un altra fonte d'energia, dovevi pensare di trasferirti in un paese dove c'è energia nucleare come la Francia, non vuoi lasciare la famiglia comprendo pero se continui a cercare un posto per ingegnere nucleare sarà difficile che tu lo trovi.

Mi ha scritto Antonella, disoccupata e laureata in infermieristica pediatrica, mi dice che nella sua città ci sono solo 2 Ospedali con reparti di pediatria, però c'è una scuola che ogni anno laurea 30 infermieri pediatrici, solo che negli ospedali sono già al completo di personale, sono giovani e il prossimo almeno che non succeda qualcosa va in pensione tra 23 anni! Invece che fare gli infermieri pediatrici dovremo tutti andare a servire patatine fritte?

Magari, no! Però perchè queste notizie non sono state date prima che ti iscrivessi? Prima di intraprendere un percorso informatevi prima delle reali e concrete possibilità di lavoro, comprendo il desiderio di realizzare le proprie aspirazioni forse sarebbe bastato una infermieristica generale.
Un lavoro specializzato va bene per alcune attività un po' meno per altre, alcune specializzazioni sarebbe bene farle dopo essere inseriti nel mondo del lavoro e non prima.

Mi ha scritto Gabriele, 31 anni, ha fatto un master in giornalismo televisivo, ho speso 12.000 euro ma gli chiedono solo di lavorare gratis, il mondo dell'editoria è in crisi, così di giorno scrive per un sito web 20 euro a pezzo e la sera va a lavare i piatti in un ristorante, mi dice "ci sono lavoratori che nemmeno possono permettersi Mcdonald's, per me ha dei turni troppo pesanti e non permette di avere due lavori". 

C'è stato un periodo che tutti volevano diventare giornalisti, è difficile a meno che tu non abbia un appoggio politico, sincerità per sincerità essere bravi non basta, non è giusto dirlo ma certi mestieri vanno scelti anche in base alle relazioni sociali, sono certo che tutti sono meno bravi di te Gabriele, però hai solo 31 anni a certi lavori e a certe responsabilità ci si arriva anche con il tempo, non guardare la pubblicità a 30 anni ricchi e famosi.

Marzia, biologa nutrizionista 28 anni disoccupata, purtroppo il numero dei nutrizionisti è alto, oltre ai biologici nutrizionisti, ci sono i dietisti, i nutrizionisti di non bene identificata origine e natura, i medici specialisti in scienze dell'alimentazione, i nuovi medici specializzati in nutrizione, come vedete tante persone per lo stesso argomento.

Io non so che futuro possano avere, mi sento solo di non consigliarlo perchè la loro collocazione diventa sempre più difficile. Molti si riciclano in diversi rami del settore alimentare ma sappiate che è un titolo poco spendibile, secondo me vi conveniva laurearvi in Medicina e poi specializzarvi, le scorciatoie a volte diventano delle strade infinite e più lunghe.

Ho partecipato a un convegno settimana scorsa sull'artrite reumatoide e ci si lamentava della mancaza di personale professionale a livello internazionale nei paesi occidentali delle malattie degenerative (Alzheimer, Sclerosi a placce alle più banali artrosi e artrite reumatoide) questo credo che sia il problemi troppe persone su alcuni tipi di specializzazioni più di moda e pochi su altre.

Sintesi: ho citato queste persone che mi hanno scritto per farvi capire il senso di frustrazione in cui molte persone si trovano perchè i giovani rifiutano alcuni lavori, da una parte vengono illusi con corsi, master e compagnia bella e poi si scontrano con una realtà molto bene diversa, che genera senso di frustrazione. 
Non mi sento di condannarli se non vanno a servire panini, però nella vita il percorso di studio è un punto di partenza e non di arrivo, avete tutto da costruire.


2) Pagamenti, da Mc Donald's pagano regolarmente tutti i mesi
Quello che dovrebbe essere una cosa normale invece è una fortuna, come vincere la lotteria. Che dire ? Non pagando i dipendenti non si salvano le aziende, il lavoro va pagato e retribuito, perchè è una responsabilità civile di chi fornisce lavoro. Molti si sono lamentati che i datori di lavoro non pagano regolarmente in particolare le medio e piccole aziende, che hanno maggiori difficoltà sia in termini di potere contrattuale che d'accesso al credito, però è vero che c'è una crisi di liquidità, può capitare una volta o due, ma se in un posto di lavoro dicono di non avere soldi per pagarvi andate via cercando farvi pagare il periodo che avete lavorato, nella mia esperienza di vita ho visto gente che diceva che non aveva soldi per pagare i dipendenti e poi andava in giro in Jaguar , giocava al casinò e spendeva soldi con noncuranza, non fidatevi!

Questo perchè oggi l'unica voce variabile dei costi, sia quella del personale, meno pago i dipendenti a più aumento il mio margine di guadagno, non è una cosa sensata perchè se l'unico mio margine di guadagno è non pagare il lavoro, quella azienda non ha futuro.

Un altra cosa attenzione, spesso viene chiesto ai dipendenti di fermarsi fuori orario, straordinario che non viene pagato, molte aziende prevedono per i dirigenti che riescono a mandare avanti un attività in cui ci vogliono 12 persone, se riescono a farlo con 8, il dirigente avrà un premio in danaro, per il fatto che non è necessario assumere nuovo personale e lo sfruttamento degli otto dipendenti.

Personalmente poi ho una grana per una mia collaborazione con una rivista con editore famoso il quale mi deve ancora le mie fatture delle mie prestazioni del 2010 e 2011, mi ha telefonato un addetto della contabilità  dicendomi che se accetto il 50% del valore delle fatture mi paga subito oppure dovrò aspettare, cioè io faccio fatture per 10.000 euro e me ne pagano 5.000, ma figura nei bilanci che me ne danno dieci, capito?
L'ho mandato a quel paese con tanto di azione legale, perchè posso permettermelo ma chi non può? 


3) La fortuna conta ma anche rimboccarsi le maniche
Non penso che lavorare da McDonald's sia per chi non ha avuto fortuna, ma nella vita può capitare che non si riesca a fare cio che si aspettava, purtroppo la vita non è generosa con tutti allo stesso modo, cercate più alternative possibili, il percorso di studi è solo una carta che potete giocarvi male o bene ma il mondo è molto più ricco e vario, nella vita bisogna reinventarsi continuamente a qualsiasi età, vuole dire anche imparare cose nuove e nuovi mestieri.

4) Lavoro non solo per i giovani, lavoratori di cui nemmeno Mc Donald's ne vuole sapere.
Mi hanno scritto e pregato di divulgare il messaggio due ex lavoratrici della Richard Ginori Donatella e Anna Maria di 45 e 48 anni, recentemente fallita, nuove norme per favorire il ricollocamento del lavoro nelle persone oltre i 40 anni, io non sono il Corriere della Sera, ma nel mio piccolo non mi tiro indietro.
La stessa cosa riguarda Laura, 37 anni in cassa integrazione di un azienda farmaceutica Sigma Tau, che pare abbia trasferito altrove le unità produttive, chiede più possibilità per le persone oltre i 30 anni. 
Mi ha scritto anche Enzo da Ancona 52 anni di cui 32 nel settore dei divani e pelletteria oggi disoccupato, i giovani si ma anche coloro che per diverse ragioni spesso la chiusura dei siti produttivi non hanno più un lavoro, temo che a questi lavoratori Mcdonald's non sia interessato.


5) Lavorare da Mc donald's non è un lavoro creativo, negli altri ristoranti non è diverso
Il sistema di lavoro è organizzato in modo seriale, che richiede che tutti i panini siano uguali ma badate che il lavoro in un ristorante non è molto diverso, i piatti vanno eseguiti con precisione e devo rispettare le direttive dello chef che è unico che può modificare il piatto. Lavorare in alcuni ristoranti ci vuole grande professionalità e anni di gavetta, un conto è fare un buon piatto in casa un conto al ristorante. Tenete presenti che molti ristoranti oggi utilizzano piatti gia pronti o prodotti semi lavorati che scaldano solo al momento, non cè nulla di creativo nella cucina di molti ristoranti, sfatiamo un mito.

6) Condizioni di lavoro da McDonald's
Molti mi hanno scritto indicandomi non positive condizioni di lavoro, diverse note non positive sul rispetto del contratto nazionale, tutte cose che non ho pubblicato, perchè sinceramente non le conosco nei dettagli, nemmno sono un esperto per formulare un giudizio, non sono un avvocato, io non ci vado nemmeno a mangiare, come qualcuno mi ha fatto notare ci sono anche note positive del lavoro di Mc Donald's, io rispetto le opinioni di tutti. In genere il ricambio frequente del personale so per certo che non è un indice positivo per qualsiasi azienda, in quanto il personale dovrebbe costituire una risorsa e non essere visto come sostituibile in qualsiasi momento da chiunque.

Sintesi: Lavorare o mangiare da Mcdonald's? Abbiamo ascoltato più voci molte negative ma anche qualcuna positiva. Nella crisi la ristorazione veloce, come i fast food, grazie a dei prezzi più competitivi guadagnano più clienti, però fare della difficoltà e della precarietà del lavoro il tuo punto di forza della comunicazione assicurati di essere un azienda trasparente e senza macchia, perchè i lavoratori sono i tuoi stessi primi clienti, se ne parlano male loro, come puoi essere credibile?

NB Volevo ringraziare tutti i commentatori per gli ottimi punti di vista espressi nei commenti che completano il post , sono sempre sorpreso positivamente delle belle riflessioni e osservazione che lasciate, grazie

34 commenti:

  1. Da Mc Donald's nè mangiare nè lavorare!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Gunther, che post!!!! Io il Mc Donald's ce l'ho a due passi da casa, ho un bambino di 8 anni che partecipa purtroppo alle feste di compleanno, cerco di non fargli prendere i panini ma alcune volte mi ascolta, altre no. Fosse per me non andrei nè a mangiare nè a lavorare!

    RispondiElimina
  3. sempre molto puntuale e preciso nelle tue risposte e nei tuoi post.
    Sicuramente un momento di riflessione per un argomento così vasto e discusso.

    RispondiElimina
  4. Non mangio a Mc Donalds.. faccio tanto per cercare di cucinare in modo sano, gustoso e naturale.. e non posso finire a mangiare lì. Ci ho provato, tante volte.. a parte che con i problemi alimentari che ho, è un guaio; ma finivo sempre per non digerire mai. Ok, forse è solo un problema mio, per cui ovviamente è solo un mio punto di vista.. nulla in contrario se qualcuno ci va e si diverte anche! Sul resto, io sono disoccupata.. con una laurea in archeologia a pieni voti (e sto continuando a studiare per non impiccarmi): assurdo che proprio in un paese ricco di storia, la culla della civiltà occidentale, io non sia nemmeno riconosciuta dallo stato: e non è qualcosa di nucleare. Qui di storia è pieno. Zeppo. Choosy io? Giammai! Choosy sono anche certi datori di lavoro! Io ho chiesto persino di vendere mutande, di fare addirittura le pulizie.. e mi è stato detto- sissignore- che ci volevano almeno 3/4 anni di esperienza. Mi prendete in giro? Se bastava essere davvero choosy almeno non mi sarei ammalata e non avrei passato gli ultimi anni dentro e fuori dagli ospedali. Che dire.. io ti ringrazio sempre per l'informazione che fai e per la qualità dei tuoi post caro! Leggerti è sempre fantastico :)) Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. @ cirano, grazie

    @ mariangela grazie

    @ lacucina di pallina, grazie

    @ ely grazie delle tue perle, ho riso molto 3/4 anni di esperienza per vendere mutande mi ha molto colpito, io avrei riposto con una battutaccia se me lo avessero chiesto, faranno anche le lauree mutandopoli per vendere mutande, incredibile, ho visto molti giovani darsi molto ma molto da fare con scarsi risultati lo ammetto

    purtroppo non c'è investimento nel settore culturale personalmente le tue conoscenze e la tua cultuta che "sento" nei tuoi racconti mi affascina mi coivolge molto, anche se non so dove potresti indirizzarla a livello lavorativo

    è sempre un piacere averti qui con noi

    RispondiElimina
  6. avendo i bambini piccini e un dramma evitare questi posti , e ogni tanto vanno assecondati sempre contro la volontà...ti dico solo una cosa che mia figlia più grande fece vedere un filmato su mc donalds da quel giorno non ha più detto mamma mi porti al mec..? ed e passato un paio di anni e più..
    sapere sempre di più le notizie su questi posti e sempre mooolto utili...
    grazie sempre per le notizie...
    lia

    RispondiElimina
  7. Come dici tu il vero problema è che il lavoro non c'è, poi, si fanno studi sbagliati, scelte errate e lo stato non aiuta per niente ad inserirti nel mercato del lavoro. Ora c'è l'apprendistato, quindi, cosa succederà ? Tanti giovani mal pagati e sfruttati con l'aiuto statale. Io non credo più nell'Italia, nella sua gestione politica e cultura, roba vecchia. Comunque, i migliori panzerotti si mangiano da noi al sud.....ciao

    RispondiElimina
  8. @provare per gustare
    è un metodo per non andare :-)

    @Ivana
    io il posto più vicino per i panzerotti è Milano e devo fare fare anche 1 ora di treno per arrivarci

    appredistato c'era già non mi sembra una grande rivoluzione ma poi? Dopo l'apprendistato? Soluzioni non solo vecchie ma anche inutili sono d'accordo

    RispondiElimina
  9. preferisco il ristorante...sai come la penso...ma ammiro anche le persone che per uno stipendio fanno orari inconcepibili li dentro...

    RispondiElimina
  10. Bellissimo post Gunther.

    L'argomento è molto attuale e anche "sensibile", lo hai trattato con grande onestà e sincerità. L'ho molto apprezzato.

    Grazie anche a chi ha condiviso la sua esperienza. E' importante comunicare sia quando le cose vanno bene che quando vanno male.

    :-)

    RispondiElimina
  11. Il mondo del lavoro adesso è pieno di confusione, di gente piena di buona volontà, di datori di lavoro onesti, di gente che si approfitta delle persone trattandole come oggetti e non pagandole quando sarebbe giusto.
    Io detesto con tutte le mie forze chi tratta le persone senza rispetto, chi si permette di lucrare sulla miseria degli altri.
    Questo non c'entra con il MCDonald ma ho una figlia che sta studiando e non vedo un futuro lavorativo facile.
    Cmq per il resto come non condividere questo lungo post :)
    Ciao

    RispondiElimina
  12. La mia idea te l'avevo già detto però dico una cosa ... quando arrivi a vedere che non riesci a pagare le bollette e fai anche i sacrifici per comprare il pane vedi che fa comodo qualsiasi lavoro anche quello ... Chi sta li a scegliere il lavoro secondo me vuol dire che sa di che campare. Questo lavoro non è per sempre ma se mi servisse per mettere i cibi sani in tavola a mio figlio ci tornerei a vendere panini non sani a chi ci va a mangiare.
    Io lavoro vicino a quello di Lucca e ci passo davanti tutte le sere alle 20.30 circa ... nessuno ci va a mangiare ma c'è sempre pieno!!! mi sa che c'è anche un pò di falsità!!

    RispondiElimina
  13. Ci sarebbero pagine e pagine da scrivere sull' argomento! Io so solo che i miei capi, per continuare a guadagnare come ai tempi d‘oro (letteralmente) hanno deciso di licenziare due persone e di ridurre l‘orario ad altre dieci. Tutto ciò che risparmiano sul personale va nelle loro tasche, che sono belle piene anche grazie ai soldi guadagnati negli anni proprio grazie ai loro dipendenti.

    RispondiElimina
  14. Io non sopporto neanche l'onore del mangiare Mc donalds, quindi ne' mangio ne' ci vado a lavorare. Ciao


    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. Ricordo bene il post, bè come te se dovessi scegliere sceglierei Luini:-) senza dubbio:-). un saluto e a presto

    RispondiElimina
  16. ciao! condivido il tuo pensiero.... per quanto riguarda la domanda mangiare da McDonald's si/no... non so se le cose sono cambiate (non entro in un McDonald's da 8 anni) ma consiglio vivamente di guardare il documentario Super Size me....

    buona serata
    sabrina
    http://mycherrytreehouse.blogspot.it/

    RispondiElimina
  17. E' sempre piacevole leggerti....no, non siamo schizzinosi ma c'è stato un momento in cui le lauree valevano qualcosa, attualmente è a dir poco vergognoso che non lo siano!!! Mi sono laureata con il massimo dei voti in Lingue e Letterature straniere (4 lingue) ne parlo 6....eppure faccio qualcosa come 4 lavori contemporaneamente, beh sai che ti dico? Non me ne vergogno, anzi..a questa brutta crisi dico grazie....niente è valso di più per me nella mia crescita! Evviva i lavori dignitosi...ma non ci toccate il mangiar sano!!No no...Mc Donald's sei out per me!

    RispondiElimina
  18. Ciao Gunther!
    Bellissimo post prima di tutto.
    Io concordo con Ely. da Mc Donald's ne per mangiare nè per lavorarci..io almeno..poi se per qualche giovane è una fase di passaggio, pazienza tornerà a casa un po' puzzolente di olio fritto, ma insomma ci può stare ;-).
    Per me la qualità del cibo è fondamentale e non saprei davvero cosa prendere in un posto del genere..ci sono stata e mi faceva schifo tutto.
    Insomma io le mie bambine non le porto, punto.
    Lavoro? Beh, il lavoro dovrebbe essere un diritto, ma non è così. Io mi sono ritrovata disoccupata a 43 anni, adesso ne ho 45 e nel frattempo ho fatto dei lavori a tempo determinato (alcuni per fortuna..mi sarei ammalata), non è davvero facile...non è questione di essere choosy..il lavoro non c'è...io non sono laureata in scienze improbabili. Sono una venditrice, parlo 3 lingue straniere, ma sono una mamma e questo complica tutto. Non ci sono orari compatibili con questa 'condizione', né distanze casa-lavoro congrue alla gestione della famiglia, e poi ci sono i bambini che si ammalano..vuoi mettere? Poi magari qualche giorno devi pure stare a casa...devo continuare o basta così? Baci, e grazie! Roberta
    n.b. che voglia di mangiare anche in piedi da Luini!

    RispondiElimina
  19. Vado talmente di rado che non saprei dire l'ultima volta quando sono stata. Non sono però per i mai dire mai... Grazie di questo interessantissimo post :-)

    RispondiElimina
  20. Absolutely agree with your observation about McDonald's food. Just wish more people realize that too.

    RispondiElimina
  21. Gunther è sempre un piacere leggere i tuoi post. Per quanto mi riguarda, concordo in pieno con Ely, il Mc Donald è bannato: non lo sceglierei mai, nè per mangiare nè per lavorare, ma non mi permetterei mai di giudicare chi per motivi personali sceglie di lavorarci! Lungi da me.
    L'enorme problema del nostro paese è che non ci sono investimenti a lungo termine, nessuno guarda mai più in là di una spanna dal suo naso e questo ha generato una politica del lavoro che è molto più simile alla cultura "dell'usa e getta" che a quella di un paese civile in cui si punta sulle risorse umane e sulle eccellenze (che sono moltissime in ogni campo ed andrebbero valorizzate perchè porterebbero ricchezza e lavoro).
    Non siamo un paese meritocratico e su questo... ma prima o poi ce lo si dovrà porre questo problema, la mia generazione (anni '70) è fortemente penalizzata in qualsiasi campo lavorativo. Oramai non è più questione di cosa studi, continuo a conoscere gente laureata (da architetti ad ingegneri a letterati, ogni tipo di laurea!) che fa i mestieri più umili perchè si butta dove c'è lavoro! Certo l'arte di arrangiarsi, ma la responsabilità di chi ci governa dove la mettiamo???
    Se c'è un indice di benessere in un Paese dovrebbe a mio avviso essere quello di dare un posto ed uno spazio a chi ha delle competenze. Non ho certo una formula magica per risolvere il problema, ma di certo è un dato di fatto, la disoccupazione è molto più elevata tra i laureati.. e questo, quanto meno dovrebbe far riflettere!
    Infine concordo in pieno sulla credibilità di una azienda, come sul mio iter personale. Mai e poi mai potrei scegliere di lavorare in certi posti, semplicemente perchè se non sposo un'idea, non posso sostenerla!
    Ti lascio un abbraccio strettissimo, felice giornata! ^__^ Any

    RispondiElimina
  22. Gunther for president!! Lucida analisi e condivido ogni virgola e analisi. Bravo, stai attento perchè se ti legge qualche politico, ti candida alle prossime elezioni! :-)

    RispondiElimina
  23. Interessanti i tuoi post. Nonostante il parere di molti nutrizionisti americani che imputano il problema dell'obesità a questo tipo di cibo, Mc Donald ha pubblicato pareri favorevoli al loro consumo!!

    RispondiElimina
  24. è una vita che non riesco a trovare il modo di leggere attentamente i tuoi post!
    come sempre sottolineo che è bello leggerti, tanto.
    un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  25. Buongiorno Günther che sorpresa il tuo blog, grazie per avermelo fatto conoscere:) post interessante davvero su cui si potrebbero scrivere almeno 2 libri, i temi: 1) sull'educazione alimentare... e il "protezionismo" della nostra tradizione culinaria, con cui mi trovi assolutamente d'accordo anche se per onestà intellettuale di dico che al Mc ci vado qualche volta, di rado certo ma è capitato.. il Big mac mi piace e lo mangio se capita. 2) sulla tragica situazione lavorativa , l'inserimento post laurea ma sopratutto le guide inesistenti ad indirizzare i giovani diplomandi verso una scelta consapevole.. il problema dell'ingegnere che sceglie l'indirizzo nucleare, piuttosto che quello informatico è a mio umile avviso, in parte "colpa", se così vogliamo chiamarla, di un sistema scolastico privo assoluto o quasi di indirizzi di sorta.. un ragazzo a 17 anni conosce davvero molto poco del suo paese, (ho insegnato per diversi anni e ti assicuro che a 16 anni la polita estera e nazionale se non per pochi, è materia sconosciuta)C'è da dire poi che oggi anche chi fa tutte le scelte giuste, consapevoli e mirate ha comunque difficoltà ad inserirsi causa le solite solfe: una nazione che non investe sui giovani in nessun ambito... e chi lo fa? IKEA e MC DONALD'S che nonostante precarietà e condizioni contrattuali poco favorevoli, offrono stipendi in un momento storico in cui le porte sono chiuse a doppia mandata su molti i fronti.
    Splendido post di grande contenuti e consapevolezza. Grazie per questo pensiero.

    RispondiElimina
  26. Difficile commentare questo post. Premetto che non è facile scegliere un indirizzo di studio basandosi sulla richiesta di mercato. Nel caso degli ingegneri nucleari ad esempio, mi immagino quale poteva essere la nostra politica economica se solo certi avvenimenti e certi investimenti non avessero spinto sulla fiamma della diffidenza. Facile a dirsi, meglio la scelta verde ma in quanti ci avrebbero scommesso solo un anno e mezzo fa. Insomma se non si tratta di passione per una branca del sapere in modo assoluti, una scelta ragionata vera e propria nn c'è del percorso di studio, durante il conseguimento di un titolo infatti sono troppe le circostanze che cambiano.
    McDonald certamente non è "la soluzione" ai problemi lavorativi, così come ai problemi dell'accesso al cibo a prezzi ragionevoli, è piuttosto solo una delle possibilità e come tale deve essere valutata. In un paese che sforna disoccupati è difficile fare etica del lavoro, forse quasi impossibile ecco perchè non mi pronuncio...

    RispondiElimina
  27. Bellissimo post.

    Mirka

    RispondiElimina
  28. Da un "semplice" post sono emersi temi che messi insieme concorrono a raccontarci uno spaccato della nostra società, più fedele e reale di un'inchiesta giornalistica. Bravo come sempre Gunther!
    simo

    RispondiElimina
  29. Vado poco a cena fuori, i miei soldi preferisco spenderli andando a teatro, ad una mostra o ad un concerto, ma quando ci vado vado per provare un nuovo ristorante o un nuovo chef. Per il resto come dice uno slogan trovo che il miglior rstorante sia casa mia!
    Per quanto riguarda il lavoro trovo che l asituazione sia parecchio complicata e che forse il problema o uno dei problemi sia proprio nato nella riforma universitaria che ha snaturato le vecchie lauree quinquennali per tirarne fuori una valanga di tipi triennali. Troppi laureati e troppo specializzati per essere facilmente immessi sul mercato. Certo anche io con la mia laurea classica di 5 anni mi sono dovuta un pò adeguare non faccio certo il lavoro dei miei sogni ma una laurea in giurisprudenza la ricicli facile e si adatta bene a mille usi per cui concordo con te con il raccomandare ai ragazzi distare molto attenti nella scelta del corso di studi. Però è comunque oggi molto più difficile di quanto non sia stato per noi.
    buona giornata
    Alice

    RispondiElimina
  30. stiamo vivendo un momento di basso impero come lo definisco io,le certezze non esistono e il futuro è fosco come per un miope privato degli occhiali. Ho un figlio di 25 anni che ha portato in giro tanti di quei curricula che non si contano più, prospettive? Probabilmente nessuna, come genitrice ci soffro molto... Mc Donald sfama a poco prezzo , certamente non è il modo migliore per mangiare ma ogni tanto non credo possa far male, non lo assolvo nè lo demonizzo....Buona settimana ...

    RispondiElimina
  31. l'italia è un paese strano le lauree servono se sei figlio di un politico e se non ce l'hai vai fino in Albania a "prenderla" mentre invece chi se la guadagna va a friggere patatine.

    Stanno svuotando l'italia dal lavoro, le aziende italiane si fanno la sede in Lussemburgo per non pagare le tasse e aprono stabilimenti produttivi all'estero europa dell'est, non si può vivere senza il settore primario l'agricoltura e il settore secondario l'industria, il terziario il settore dei servizi senza i primi due non esiste.

    Avete mai visto un politico che parla di questo?
    berlusconi e i politici della seconda repubblica con le loro polemiche ci distraggono dalle cose importanti facendoci pensare solo alle stupidaggini

    RispondiElimina
  32. Caro gunter, non sono d'accordo sullo studiare solo in vista del lavoro che si potrà fare. Mi hanno colpito a riguardo alcuni commenti di Beppe Severgnini, brillante giornalista del Corriere della Sera: si studia ciò per cui si è portati, altrimenti avrai sempre difficoltà nella vita a competere con chi in un certo campo è naturalmente dotato. Buona serata

    RispondiElimina
  33. Non ho mai mangiato nei fast food, non mi piace la qualità del cibo, preferisco spendere qualcosa in più e mangiare bene.Anche se lo faccio raramente, con la crisi che c'è e due figli da mantenere all'università in due città diverse,col solo stipendio di mio marito non mi posso concedere questo lusso...Pero' uno dei miei figli ,ha lavorato qualche mese dal rivale di Mac; il Burger King; è un lavoro stressante, faticoso,quasi sempre aveva i turni di notte, che non gli permettevano di conciliare lavoro e studio.Per concludere, mangiava alla mensa scolastica o a casa, una sola volta ha mangiato un panino di burger...e gli è bastato.
    Grazie Gunther per i tuoi post sempre interessanti e coinvolgenti.Un abbraccio.Buona serata.

    RispondiElimina
  34. Molto bello e molto amaro questo post, gunter...

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi