mercoledì 11 gennaio 2012

Pane a ridotto contenuto di sale al supermercato

Benvenuti, iniziamo questo nuovo anno con una novità che riguarda sopratutto coloro che abitano dalle mie parti. Abbiamo più volte affrontato sul blog il tema del sale, sopratutto del fatto che la media del consumo di sale in Europa  è il doppio rispetto alle indicazioni dell'OMS, ma sopratutto che ci sono alcuni gruppi di persone che per ragioni di salute e quindi per causa di forza maggiore devono ridurre il contenuto di sale.

Capita spesso che di fronte ad alcuni alimenti questi devono rinunciare. Un esempio è il pane un alimento di base, oggi la maggior parte del pane viene preparato in grandi panifiici e poi distribuito in più punti vendita. Diversi negozi e supermercati da me interpellati avevano detto che non è conviente fare pane fresco a ridotto contenuto di sale e invece... presso i supermercati Migros, si può trovare il pane a ridotto contenuto di sale solo lo 0,7%

Questo fa parte di un progetto più vasto, promosso dalla catena distributiva già da diversi anni ha diminuito il sale in tutti il pane in vendita già dal 2008, tanto che la media è di 1,6 g. di sale.
Ora molti di voi penseranno costerà di più e invece no, diversamente per esempio dai prodotti light in giro per il mondo che costano in del 30% con meno grassi, questo pane con ridotto contenuto di sale, costa come gli altri pani. 

Questo post per portare un buon esempio, sperando che più punti vendita e più supermercati si adoperino per offrire pane fresco a ridotto contenuto di sale, a volte è solo questione di volontà anzi di buona volontà.

So che molti fanno il pane in casa, altri utilizzano la macchina del pane, sicuramente è un ottima alternativa anche se non tutti magari ne hanno la volontà preferiscono un prodotto già pronto. Sono fortunati i toscani che per tradizione mangiano il pane senza sale ma non senza gusto ne ricordo ancora il sapore e il profumo dopo anni di distanza.

Ps: per non essere frainteso riguarda quelle persone o meglio quel gruppo di persone che debbono mangiare a ridotto contenuto di sale, quindi un gruppo con dei problemi di salute e non tutte le persone in generale, anche se ridurre in generale un po' del consumo di sale non sarebbe male.


25 commenti:

  1. Hai ragione molto spesso è più un fatto di buona volontà più che di guadagni e ricavi vari. Io il pane me lo faccio in casa e sono rare le volte in cui lo compro, ma quanti altri alimenti hanno sale...spero che ben presto venga data una regolamentazione a tutto in favore di una vita più sana. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Sai, io preferisco farmelo da me e non solo per il sale ma anche per le varie farine manipolate...by by...

    RispondiElimina
  3. Vivendo in Toscana mi sembra così strano sentir parlare di ridotto contenuto di sale nel pane! Qui il pane salato bisogna chiederlo e nonostante io il sale lo usi pochissimo, quasi per niente, al pane “sciocco” proprio non sono mai riuscita ad abituarmi!
    Comunque spero questo sia solo l’inizio per estendere la riduzione del contenuto di sale in molti altri prodotti. Buona settimana

    RispondiElimina
  4. Il mio problema è di non poter consumare alimenti contenenti iodio e in Italia ormai il sale non iodato è quasi introvabile, quindi il pane me lo faccio con il sale giusto per me, ma mettendone un po' di più dello 0,7%...
    Proposito per il 2012: diminuire piano piano la quantità di sale e non solo nel pane. Grazie mille per l'interessante articolo e buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. io invece al pane lombardo proprio non riesco ad abituarmi.
    da toscana "esiliata" in lombardia il pane senza sale mi manca tantissimo, tant'è che quando scendo a livorno mi porto su il nostro pane.
    dai nostri fornai il pane ha solo tre ingredienti:
    lievito madre-farina (possibilmente 2)-acqua , almeno quello che compro io e poi deve essere cotto a legna.
    è tutta altra cosa rispetto al pane che trovo in lombardia, fatto con farine molto raffinate e con altre aggiunte oltre al sale, e poi alla sera mi ritrovo con una ciabatta secca e inutile.
    il giorno dopo poi è da buttare.
    per farmi capire meglio è come fare un paragone tra un pane "spugnoso" e un pane "gommoso", e la differenza si sente.
    impossibile provare ad adoperarlo per le zuppe, le bruschette e la finta pizza (fette di pane con fette di pomodoro, mozzarella, olio extra e infornato).
    mangi una fetta di pane ma non sa di pane e così finisci che ne mangi di più.
    ho provato a comprare il pane senza sale che fanno a pavia, cambiando anche diversi fornai: meglio evitare. a volte compro il miccone dell'oltrepò che è quasi il meno peggio...

    ...e poi l'esselunga di pavia non fa più venire il pane da altopascio! sigh sigh! sono davvero messa male!

    RispondiElimina
  6. Non mangiamo moltissimo pane e se posso, lo preparo in casa. Soprattutto in estate, con il forno a legna fuori.
    Domani butto un occhio al pane del supermercato, ma non mi sembra di aver visto pane a ridotto contenuto di sodio. Speriamo ci pensino anche da noi!!!
    Un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  7. comunque si sappia:Il sale è davvero molto importante nell’impasto, infatti, oltre a dare sapore, svolge un’azione rinforzante (ispessimento) sulle proteine della farina.
    Inoltre, il sale inibisce leggermente la crescita di muffe e batteri sia durante la lievitazione che nella conservazione.
    L’uso del sale nell’impasto può aumentare la capacità panificabile dal 14 (per le farine di forza) al 38 % (per le farine deboli).
    L’utilizzo del sale conferisce compattezza agli impasti, rendendoli più lavorabili e dando la possibilità di idratarli maggiormente senza che risultino appiccicosi.
    ...Non esagerare

    RispondiElimina
  8. Quando facevo il pane in casa con Pasta madre il sale non lo mettevo, ho sempre amato il pane toscano!In più il sale lo assumiamo sotto molt forme quindi..meglio non abbondare :)
    Migross trooppo avanti!A livello di pane indrustriale la Panem commercializza il pane sciocco, senza sale.

    RispondiElimina
  9. hai perfettamente ragione ma comunque cerco di prepararlo in casa che secondo me è migliore

    RispondiElimina
  10. La mia città è ferma sotto tanti punti di vista, ma una cosa bupna è un progetto promosso da un team di pediatri nelle scuole per educare al giusto apporto di sale nella dieta di tutti i giorni...fantastico!

    RispondiElimina
  11. Non ho particolari problemi di salute ma in genere stò attenta al troppo sale negli alimenti. Quando cucino cerco di non salare troppo e soprattutto il pane cerco di farmelo sempre da sola :)
    In generale credo però che ci abbiano fatto abituare male insaporendo troppo tutti i prodotti che troviamo in commercio. Così appena manca un pò di sale sembra che non siano più buoni. Assurdo.

    RispondiElimina
  12. anche se mi piacciono i cibi saporiti cerco di evitare di salare troppo, uso in alternativa le spezie...Grazie per le preziose informazioni...

    RispondiElimina
  13. Caro Ghunter è da tantissimo che non ti leggevo, chissà perchè ma non apparivi più nella mia blog roll!
    adesso andro' a farmi un giro tra i vecchi post :)
    A riguardo del sale.. io abito in toscana e come sai qui è completamente privo di sale... pero' mi ricordo bene di quando ne avevi parlato... è un grande problema..

    RispondiElimina
  14. ho sempre mangiato il pane fatto in casa da mia mamma e lei osava fare il pane salato ma da la prima volta che venni qui in toscana mi sono ritrovata a mangiare il pane senza sale ho fatto fatica all inizio ma adesso mi garba un monte il pane sciapo si sente la fragranza delle sue farine... però non ti nego che quando vado giù al mio paese una fetta di pane salato fatto in casa non me lo toglie nessuno ...
    lia

    RispondiElimina
  15. E' incredibile, ma nel mio paesino si trova il pane senza sale con molta facilità; quando mi trovo in città per lavoro invece non mi è mai capitato di trovarlo! Strano vero?
    A presto!!!

    RispondiElimina
  16. Ottima questa cosa ....magari nasce una moda!
    francesca

    RispondiElimina
  17. Una buona iniziativa , positivo anche il fatto che non costa più degli altri!

    RispondiElimina
  18. Purtroppo non ho il tempo materiale per preparami il pane in casa e quindi lo compro al forno e visto che non ho problemi cambio spesso tipo di pane, anche perchè dove mi servo preparano dell'ottimo pane e di ttutti i tipi anche quello senza sale, che tra le altre cose è veramente ottimo!
    Buona settimana Dana et Dana i cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  19. Isabella Corsini10 gennaio 2012 23:58

    ma vai in giro con la macchina fotografica? Prima o poi ti arrestano, ma farò la fila a portarti le arance sanguinelle della mia terra

    No il mio pane è con il sale, finchè posso permettermelo, finchè la salute mi assiste, magari non ci metto il prosciutto insieme ma del pomodoro oppure mela

    RispondiElimina
  20. Anch'io cerco di preparamelo sempre in casa..lo preferisco..buona giornata

    RispondiElimina
  21. Che bella notizia ! Speriamo che diventi "moda" e che si diffonda questa lavorazione del pane !!! Basta poco ! Ciao Gunther grazie !!!

    RispondiElimina
  22. Dopo un viaggio in Toscana, superato il primo momento di sgomento per il pane sciapo, poi ti sembra strano quello salato.
    A dimostrazione del fatto che è tutta questione di abitudine....
    A prenderla quest'abitudine ne guadagneremmo in salute...
    Anna

    RispondiElimina
  23. E' una bella novità, e comunque hai ragione quando dici che dovremmo abbassare tutti un pochino l'uso del sale. A volte a tavola lo si aggiunge quasi senza ragione!! Buon Anno Gunther!

    RispondiElimina
  24. Io adoro il pane toscano e sarei felice se si trovasse qui. Nei vari forni lo chiamano toscano ma ha solo il nome.
    Personalmente cerco di mangiare pane integrale quando possibile.
    Per quanto riguarda il sale sicuramente ne usiamo tutti di più del necessario.
    Ciao Gunther :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi