lunedì 23 maggio 2011

Il processo alla patata nella Giornata Europea dell'Obesità

21 Maggio Giornata Europea dell'Obesità,  le giornate dedicate a una patologia stanno diventando delle giornate troppo affollate, giornata mondiale, giornata europea, giornata regionale, giornata cittadina, spesso nello stesso giorno ce ne sono più di una, quale patologia scegliere da privilegiare nell' informazione? La giornata a tema è importante per patologie poco note, ma per patologie che occupano lo spazio sui organi d'informazione già 360 giorni all'anno, si rischia di trasformarsi in un over flow d' informazioni che genera indifferenza, penso che questo meccanismo debba essere rivisto.

La patata è un problema economico o nutrizionale?
In questi giorni a tenere l'interesse vivo, del un letargo mediatico sull' Obesità ci ha pensato un articolo del Wall Street Journal dove indica che il Dipartimento dell'Agricoltura Americano vuole bandire le patate dalle mense scolastiche perchè sono responsabili dell'Obesità nei bambini.
Solo la patata? Cioccolato, gelato poco movimento no? Non causano l'Obesità?

Personalmente mi rendo conto della difficoltà di comprendere che non è questo o quell'alimento la causa l'Obesità ma una serie di fattori, che incidono in diversa proporzione (genetica, movimento fisico, alimentazione). C'è sempre un po' l'idea delle "pozione magica" , un pò come se tutti si aspettano un alimento miracoloso che come per incanto ti fa diminuire o aumentare di peso, mi spiace non è così, è una somma di fattori nel corso del tempo.

Molti fanno notare che la patata è un cibo povero, aveva senso quando si era poveri e dava sazietà velocemente, oggi le società sono ricche è la patata è diventata inutile, non sono molto daccordo, la frittata con le patate e cipolle senza patate non è la stessa cosa come neache il purè, so che sconcerto ma io il pollo al forno lo faccio solo per mangiare le patate, fa parte della ricchezza di varietà della nostra alimentazione, forse la critica è nata dal fatto che costano poco, trovo che sia un una classificazione per cibi per ricchi e per poveri che non mi piace, la ricchezza e la povertà va valutata sulle carattetistiche nutrizionali e nel rapporto prezzo e qualità. La filosofia che solo quello che è caro è buono e sano la trovo un po' superficiale .

Quello che invece emerge è guerra tra i produttori agricoli in Usa, essendo il Dipartimnento dell'agricoltura uno degli operatori più importanti sul mercato, la scelta di acquisto è una descriminante più economica che nutrizionale, se si decide per assurdo niente spinaci ma sono piselli, cambia l'asset della coltivazione del territorio, produrre per lo stato è un business, che può arricchire qualcuno e impoverire qualcun altro.

Ma la patate fa bene o fa male?
Tranquillizziamo tutti la patate cotte possono essere mangiate in particolare sono indicate nell'alimentazione dei bambini e delle persone anziane poiché cotte al vapore o lesse, sono particolarmente digeribili, ancora meglio se queste vengono presentate in compagnia con altre verdure come carote, cavoli, carciofi.  Si è parlato molto a sproposito dell'indice glicemico, che è di poco superiore a quello del riso e più alto quello della pasta, una porzione di pasta alza la glicemia in modo simile a quanto può fare una porzione di patate, mentre il carico glicemico una porzione di patate ha un impatto glicemico simile a quello della pasta e più basso di quello del riso bianco. Ma al di là di questo calcolo non sarebbe meglio di parlare che la differenza la fa il metodo di cottura e in condimento e quindi come si cucina la patata!


Dalla preparazione in cucina e negli alimenti già pronti, la patata e quante calorie fornisce?
Non è poco importante come dalla tabella che vediamo è chiaro di come diverso valore assume le patate a secondo della cottura e del condimento, come vediamo a prescindere dalla marca diciamo che le patatine fritte non aiutano sicuramente lo stare in forma mentre la patata bollita invece è 5 volte meno ma sopratutto il rapporto dell'apporto di grassi e di 1/34.

Gli zuccheri semplici, i cereali raffinati e patate responsabili dell' obesità?
Quello che invece necessita d' approfondimento è l'associazione tra zuccheri semplici, cereali raffinati e patate presenti nell'alimentazione del nuovo millennio. L'impatto dei cibi raffinati sull' alimentazione moderna  è stato molto studiato da Loren Cordain  della Colorado University, quello della paleodieta, che sostiene che in 10 000 anni di storia, l'alimentazione dell'uomo non aveva mai visto tutti questi carboidrati insieme e in questa proporzione di quantità , il corpo fa difficoltà a gestire questo carico di glucosio eccessivo. Cordain sostiene che il 30 al 40% delle calorie ingerite sono forniti da cibi ad alto indice glicemico che cosi conduce a favorire l'Obesità. A sostenere la tesi di Cordain un altra ricercatrice Jennie Brand-Miller (Università di Sydney), su Glycemic Index secondo cui negli ultimi venti anni la percentuale di cibi ad alto indice glicemico è raddoppiata, secondo il suo lavoro di ricerca la responsabilità è dell'industria alimentare che per offrire cibi ad basso contenuto di grassi ha aumentato nei prodotti alimentari la quota dei carboidrati raffinati o trasformati.

La ricerca scientifica attuale tende a favorire un alimentazione con carboidrati a basso indice glicemico, poichè riescono a ridurre la sensazione di fame e quindi indirettamente favoriscono la perdita del peso. A favore di questa tesi diversi studi di David Ludwig in uno di questi ha confrontato due diversi gruppi di ragazzi con a cui venivano forniti pasti di eguale numero di calorie ma di diverso indice glicemico , se è visto che quelli che consumavano pasti a basso o moderato IG evitano la fame dopo il posto e la frequenza dei spuntini.

A conferma della testi si David Ludwig è arrivato un articolo pubblicato nel  2003 sulla rivista Pediatrics   uno studio condotto dall' University of Utah (Salt Lake City) e altri studi sempre della stessa Università dimostrano che  stanno ad indicare che coloro che hanno una dieta a basso contenuto di carboidrati raffinati, zuccheri semplici e patate, hanno una maggiore facilità della gestione del peso e sono più frequentemente normopeso.

Sempre dello stesso parere uno studio pubblicato su Lancet dove le cavie che ricevono amidi raffinati accumulano più grasso corporeo di altri. infatti sottoposti ad una dieta ad alto contenuto di carboidrati sia a Indice glicemico alto e a basso indice glicemico. Dopo 2-4 mesi, le cavie che hanno seguito la dieta a basso IG avevano grasso corporeo del - 71% meno è più massa muscolare 8% in più, inoltre avevano anche un basso livello di zucchero nel sangue, livelli bassi di insulina e livelli bassi di trigliceridi.

Ritengo di potere affermare che la patata non è direttamente responsabile dell'Obesità nei bambini ma tanto l'associazione nella dieta di un apporto elevato di zuccheri semplici, carboidrati complessi e patate ma sopratutto di patate fritte . Pertanto bisogna cercare di preferire nella dieta varia con una limitata quantità di zuccheri semplici e  meno cereali raffinati.

Quali sono i zuccheri semplici: glucosio, il fruttosio e il saccarosio, le fonti di zuccheri semplici sono le bibite gassate, dai dolciumi e pasticceria, succhi di frutta, lo zucchero da tavola, miele, frutta candita, datteri, uva passa.

Quali sono i cereali raffinati: pane comune, pasta comune, riso brillato, pizza, focaccia, polenta, couscous, semolino, crackers, grissini, brioche, corn flakes.

Io la patata la preparo in modo diversi e devo dire che la facilità di preparazione è uno delle cose più accattivanti, sulla mia tavola non mancano mai (non sarà casuale che ci chiamano mangiapatate?)

PS. Vi lascio invece con una bella canzone "mea amor"che mi ha mandato tempo fà, una mia ex collega di lavoro e amica dal Brasile, che ora canticchia in questo gruppo, cosa c'entra? Nulla, ma gli amici a cosa servono? Sentitela fino alla fine, lascia un momento piacevolezza leggera daltronde si avvicina l'estate e un po' di spienseratezza non fa male

23 commenti:

  1. Ma le patate sono troppo buone! come si possono bandire dall'alimentazione dei bambini?! il vero problema è come vengono cucinate, molto spesso imbevute d'olio ed altri condimenti per renderle più "appetibili" quando basterebbe aggiungere qualche spezia, anche se per me sono ottime anche al naturale ^-^ Grazie come sempre delle preziose informazioni, ciao!

    RispondiElimina
  2. 5minuti e 59 secondi di relax con il brano!!! Mi piace.
    la frittata con le patate e cipolle senza patate non è la stessa cosa come neache il purè, so che sconcerto ma io il pollo al forno lo faccio solo per mangiare le patate, fa parte della ricchezza di varietà della nostra alimentazione, forse la critica è nata dal fatto che costano poco, trovo che sia un una classificazione per cibi per ricchi e per poveri... Mi piace moltissimo questo passo, per certi versi io che sono patataro e così mi chiama mia Moglie non saprei se ne potessi fare a meno!!! Per il resto il tuo post è ineccepibile sulle cose che almeno io da profano imparo...
    Grazie per il tuo commento e a rileggerci presto... Ciao e buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  3. Che vita sarebbe senza patate..(cit.)

    Certo che ci vuole coraggio a salvare i fast food e condannare le patate...

    Ah, questi americani.. eh eh eh

    Carina anche la canzone Gunther!

    :-)

    RispondiElimina
  4. Purtroppo non vedo né sento la canzone, proverò con un altro sistema.
    Per quanto riguarda le patate anch'io preferisco le patate all'arrosto.
    La causa dell'obesità, secondo me, non sono le patate e mi sconcerta ed infastidisce questo sistematico "prender di mira" un alimento, condannarlo e poi assolverlo...io le patate continuo a mangiarle..stop :-D

    RispondiElimina
  5. Ma sì, che assurdità, si sono dimenticati di specificare 'fritte' dopo il termine patate...quando si parla di cattiva l'informazione...molto carino il brano...la musica brasiliana mi piace moltissimo, io adoro Sara Tavares..un giorno di questi vi metto il link di qualche brano, credo sia portoghese, è un po' questo genere...fai i complimenti alla tua amica. Buona settimana!

    RispondiElimina
  6. Adoro le patate e, personalmente, non le ritengo responsabili dell'obesità, una malattia causata da fattori genetici, errati stili di vita e cattive abitudini alimentari!!! Grazie per il tuo interessantissimo post! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. non mi piace la demonizazione cui alcuni alimenti sono da sempre soggetti. Credo che come sempre il buon senso e la conoscenza degli ingredienti che entrano nella nostra dieta diano indicazioni utili su come utilizzarli. Le crociate contro questo o quell'alimento non mi hanno mai convinta....Io non amo moltissimo le patate, ma per esempio al purè non rinuncerei....:D
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Certo adesso è colpa delle patate...non dello stile di vita sbagliato, nooooo! Certo l'obesità è una malattia seria, che trascina con se tante di quelle problematiche che i normopeso neanche immaginano, è anche vero però che, almeno da quello che vedo io, oggi non si sa più mangiare, non esistono orari, non esiste più la cultura della tavola, dl gusto e in certi casi secondo me manca addirittura la fame e si mangia solo perchè si è terribilmente annoiati...e da adulti ognuno sceglie per se, ma da genitori si ha il dovere di tutelare la salute dei figli fino a che è possibile!

    RispondiElimina
  9. ahahahahha!!!!! mi scappa da ridere
    continuano a rifilarci cibi pieni di coloranti , glutammato , zuccheri raffinati ..e si soffermano sulle patate?????
    l'obesità è dovuta alle merendine
    a tutti i cibi confezionati e alla vita sedentaria che la maggior parte di noi conduce
    mangiamole le patate e cuciniamole in tutti i modi
    mangiare sano e muoversi tanto è l'unica soluzione per combattere l'obesità
    evviva la patata!!!!!

    RispondiElimina
  10. una dieta equilibrata è sempre da consigliare, certo che se le patate si concepiscono solo fritte meglio evitarle, ma quanto sono buone lesse col prezzemolo e in tutti i mille modi che ci siamo inventati in tanti anni?
    Ciao!

    RispondiElimina
  11. a me piacciono le patate,vedremo,ciao

    RispondiElimina
  12. e la batata? io l'ho provata, sembra una zucca carotata, squisita!!! :P

    RispondiElimina
  13. Ho letto anche io questa notizia.
    In difesa delle patate c'è da dire che molte persone le usano, paradossalmente, come un contorno di verdura. E quindi il sovrappeso!
    Peraltro, ricordo di una ricerca inglese che ne dimostrava vari effetti benefici.
    Tutto sta nelle quantità.
    Grazie per l'interessante articolo.

    RispondiElimina
  14. Se cucino le patate non preparo il primo, le abbino alla carne o al pesce come piatto unico, semmai aggiungo un altro contorno di verdure fresche.
    Ho sempre come la percezione che si tenti di orientare i consumi sulla base delle questioni di mercato piuttosto che sui bisogni reali.
    La nostra pigrizia nell'accedere a informazione più dettagliata e articolata (come ad esempio la tua) non aiuta.
    W le patate cmq, soprattutto se coltivate in famiglia come facciamo noi!

    RispondiElimina
  15. Ma invece di mettere al banco dell'accusa la patata perchè non farlo con chi avvelena indirettamente e direttamente le nostre vite più che un semplice tubero...tipo qualche politico?! :P ahahahahaha Scusa il commento da demagogo ma proprio mi è uscito così...in modo un pò banalotto :D
    PS
    I tuoi post sono sempre un toccasana, serio :)

    RispondiElimina
  16. Povera patata! ma perche' non fanno il processo alle patatine fritte di McDonald invece? Quelle "Large" per me sfamerebbero una famiglia, mica una persona!
    Alle patatine surgelate, che dentro hanno gia' tanto grasso (di solito animale) che non so perche' la gente s'illuda che poi si 'friggono' nel forno e quindi fanno meno male. Alle crocchette gia' pronte, gli hash browns e patatine in sacchetto... insomma, alla 'patata' industriale.

    OK, ho fatto la mia sfogata, scusa ehhh!

    Ciao
    A.

    RispondiElimina
  17. Concordo con i commenti di Rosy e Rosalba: lo sbaglio che molti fanno è considerare le patate come un contorno, mangiandole come se fossero delle verdure.

    I dietologi mettono le patate come sostituto di pane, pasta e riso. Logico che se mangi pasta, pollo con le patate e magari due fette di pane ingrassi per forza...

    RispondiElimina
  18. Mi fanno amaramente sorridere le accuse lanciate routinariamente a questo o quell’alimento come causa di obesità e problemi di salute vari per poi redimerli dopo qualche tempo a seconda delle esigenze di mercato. Ho seri dubbi sulle patate causa di obesità, molti meno se parliamo di patatine fritted a fast food e di snack a base di “psudo” patate che vengono sgranocchiati a qualunque ora! Sarà sicuramente opinione personale ma un piatto di patate lesse condito con un filo di olio un trito di erbe aromatiche lo trovo al contrario dietetico, a me sazia anche più di un piatto di pasta.
    Ciao, buona giornata

    P.S. mi trovi d’accordo sul pollo arrosto per mangiare le patate :D!

    RispondiElimina
  19. Le patate sono stupende anche al vapore condite solo con olio evo e sale, e quando le faccio al forno col capretto o il pollo mi servono come sostituto del pane o pasta, non mangio niente altro di carboidrati. Come al solito bisogna saper bilanciare e non capisco che c'entra l'obesita` con la patata, dici benissimo, e` un problema economico, alla fine tutto si riduce a business.

    RispondiElimina
  20. Che vita sarebbe senza la patata?
    Basta stare attenti al condimento no?
    grazie Gunther dei tuoi post sempre equilibrati, critici ed esaustivi.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Noi mangeremmo solo patate..quasi mai fritte però..le adoriamo!!bisognerebbe cambiare il modo di cucinarle e non bandirle.Buona serata

    RispondiElimina
  22. Inutile dirti che la penso ESATTAMENTE come te, e ti confesso una cosa: anche io adotto scuse tipo "pollo al forno" solo perché sono ghiotta di patate al forno :P
    Non ne abuso, ma una volta ogni tanto devo assolutamente prendere la mia dose :-D

    Grazie per la canzone! Adoro il Brasile, la loro cultura, la lingua e la loro musica.
    Ed è sempre bello celebrare l'amicizia, ed avere un amico in più ;-)

    Un bacione!

    RispondiElimina
  23. Come sempre un post interessante, con la tua chiarezza chiarisci ciò che spesso è incomprensibile. Io amo le patate e non le bandirei mai dalla mia tavola e come hai detto tu forse è il modo di cucinarle che fa la differenza.Mangiare tutto ma poco, forse è solo questo il segreto?

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi