mercoledì 7 aprile 2010

Quali biscotti scegliere per il mio bambino?


Domanda di Anna G. : ho letto il tuo articolo degli acidi grassi trans per la scelta delle merendine, ho una certa difficoltà a scegliere i biscotti al supermercato per il mio bambino che ha 5 anni , no so quale sia meglio per lui, li mangia sia la mattina a colazione che a merenda, hai qualche consiglio?

Risposta: certo comprendo che non è facile fare una scelta, le marche e i tipi di biscotti sono tantissimi e spesso a decidere sono i bambini in base a scelte di simpatia e di regalo all’interno della scatola. C’è uno dei miei figli che vuole solo i biscotti con winnie the pooh (non accetta compromessi).
In questa età si formano le cosiddette abitudini alimentari pertanto è importante fornire al bambino dei buoni esempi che potranno aiutarlo a seguire comportamenti alimentari corretti in futuro.

Sia ben chiaro io credo che la cosa migliore dei biscotti sia farseli in casa, non sempre è possibile, tuttavia oggi esistono una grande quantità d’offerta dove con qualche compromesso è possibile trovare un biscotto di buona qualità, che aiuti il bambino a seguire un comportamento corretto e non lo abitui troppo al sapore del gusto dolce. (Non mi indichi se ha alcuna intolleranza ed allergia, a 5 anni in genere alcune allergie e intolleranze sono già note, quindi ti darò delle indicazioni generali).

Guardare la lista degli ingredienti:

Ricordate gli ingredienti vengono messi in ordine di quantità, dovrebbero pertanto esprimersi all'inizio con questo ordine : Farina e zucchero che sono gli ingredienti principali, poi i grassi, uova, eventualmente cioccolato e marmellata a secondo del tipo di biscotti (ma anche che no!), ricordate più la lista ingredienti è breve meglio è!

Attenzione agli zuccheri : sciroppo di glucosio-fruttosio, viene utilizzato per sostituire parte dello zucchero, il suo consumo eccessivo favorisce la resistenza all’insulina e l’aumento di peso ( l’obesità). A volte si trova solo lo sciroppo di glucosio, non ha gli stessi inconvenienti, ma ha un indice glicemico molto alto. La cosa migliore è che ci sia solo zucchero e non sostitutivi.

Attenzione ai grassi : la presenza di grassi varia a seconda della ricetta, alcuni prodotti contengono molto poco, come le meringhe, a volte sono quasi esclusivamente presenti da ingredienti come mandorle utilizzati nella ricetta di amaretti. Alcuni grassi sono utilizzati per dare croccantezza altri per dare friabilità. È preferibile scegliere biscotti in cui c’è il burro, piuttosto che grassi vegetali idrogenati, o ricchi di grassi saturi (olio di palma), o ai grassi parzialmente idrogenati come avevo spiegato qui

Purtroppo, questi grassi sono quasi tutti composti da grassi saturi che quando vengono consumati in grandi quantità predispongono all’aumento di peso, inoltre rischiano d' aumentare i valori di colesterolo nel sangue, che possono predisporre al rischio di malattie cardiovascolari.

Perché non utilizzare oli, fluidi come la colza, soia, per una salute migliore? Questi olii sono incompatibili con la consistenza dei biscotti. Infatti, dal momento che contengono acidi grassi polinsaturi si ossidano facilmente e non permettono una buona conservazione.
Il consiglio è di abituare fin da piccoli i bambini a consumarne una quantità ragionevole.

Verificare le tabelle nutrizionali :

Le calorie
Non soffermarsi solo a guardare le calorie per i 100 grammi, ma guardare le calorie a pezzo per biscotto o per porzione ove indicato, perché i bambini guardano il numero di biscotti più che il peso, e il loro peso varia da biscotto a biscotto e da marca a marca.

Le fibre
Più il numero è elevato meglio è, le fibre hanno la caratteristica di indurre a un maggiore senso di sazietà e rallentano l’assimilazione degli zuccheri.

I grassi o lipidi
Noterete dalle confezioni che la forbice è ampia, diciamo che è bene stare al di sotto dei 15 g per 100 g., nel caso dei biscotti al cioccolato che aumentano molto il contenuto di grassi è bene stare al di sotto dei 25 g di lipidi

Glucidi
Questi si dividono in zuccheri e amidi, è cosa buona scegliere biscotti che hanno un ridotto contenuto di zucchero rispetto ai glucidi totali ,esempio 1 : 74 grammi di glucidi o carboidrati e 21 grammi di zucchero, esempio 2 : 54 g di carboidrati totali di cui 45 g di zuccheri. Preferibile scegliere esempio 1 rispetto all'esempio 2. Più è bassa la percentuale del valore degli zuccheri rispetto ai carboidrati totali meglio è.

Tempi e modalità di consumo, suddivisione dei pasti: per quanto riguarda invece i tempi e luogo del consumo dei biscotti, ricordo che è bene dividere l'apporto giornaliero in cinque pasti principali colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena; è bene abituare il bambino a consumare i biscotti al mattino con una bella tazza di latte o tè, alternando magari ogni tanto con dello yogurt e/o con della frutta, per la merenda io proverei all'inizio con metà dose attuale di biscotti e aggiungendo della frutta fresca, per poi sostituirlo solo con frutta fresca in modo da abituarlo a consumare più frutta che da anche un maggiore senso di sazietà e gli permette di arrivare a cena senza la necessità di ricorrere a un nuovo spuntino.


I migliori biscotti sono quelli che fate a casa.
Ho fatto qualche salto al supermercato in Italia esempio Esselunga e Coop e ho notato che un buon 80% dei biscotti contengono sciroppo di gluscosio-fruttosio e olio vegetali non idrogenati (spesso olio di palma o palmisti), due ingredienti a cui invito di stare lontani, fortuntamente ci sono aziende che non usano questi ingredienti è giusto nominarle.

Prodotti dove non trovare lo sciroppo di glucosio-fruttosio o/e i grassi vegetali non idrogenati

1)Biscotti Gentilini
, esempio oswego
Ingredienti : Farina di frumento, Zucchero, Burro, Miele (1,8%), Agenti lievitanti: Carbonato acido di ammonio - Carbonato acido di sodio, Amido di mais, Estratto di malto in polvere 0,6% (malto di frumento, malto d'orzo, mais), Latte in polvere, Destrosio, Sale, Aromi.
Tabella nutrizionale : Valore Energetico Kcal 446 proteine 8,9g carboidrati 72 di cui 23 zuccheri, grassi 12,6 di cui grassi saturi 5,6, fibre 2,3 g,

2)Biscotti Rossi
di Novara,in particolare in biscotti al latte
Ingredienti : Farina di frumento, zucchero, burro, latte intero concentrato zuccherato 9% , latte parz. scremato a lunga conservazione 4% , malto, agenti lievitanti (bicarbonato di sodio) sale marino
Tabella nutrizionale g/100g: Proteine 7,7 g . Grassi 16,7 g, Carboidrati 71 g Cloruro di sodio 0,31
Energia Kcal 466 Kcl/100g Energia KJ 1951 KJ/100g

3) Biscotti Alce nero
all'olio di oliva
esempio i frollini al latte si trovano alla Coop :
Valore energetico: 453 Kcal Proteine: 6.2 g., Carboidrati: 73.0 g., Grassi: 15.1 g.

4) Biscotti Grondona
, un biscottificio genovese, da segnalare i biscotti al lagaccio ,
Ingredienti: farine di grano tenero tipo 00, zucchero, burro, lievito naturale, malto, sale.
Valore energetico: 440 kcal, proteine 11g, carboidrati 72 g, grassi 12 g

5) Biscotti Savoiardi Sardi Pinna cuore di sardegna solo 3 ingredienti, uova, zucchero e farina si trovano alla Esselunga, non hanno un sito internet.

6) Pavesini
, la storia dei pavesini, il celebre biscotto di Novara in verisone industriale
Ingredienti: zucchero, farina di frumento, agenti lievitanti (carbonato acido d'ammonio, carbonato acido di sodio ), zucchero caramellato, aroma vaniglina
Valori nutrizionali : kcal 395 proteine 6,9 g, carboidrati 81g di cui 50 g zuccheri, grassi 3,9 g di cui saturi 1,4, fibre 2,3g, sodio 0,12 g

20 commenti:

  1. Molto interessante il tuo post, ma è una lotta continua, bisogna non parterli dietro quando si va al supermercato i figli, ma ti aspettano a casa con le richieste, cmq io ormai sono montematico gli compro sempre la stesse cose quelle più naturali possibili se poi sarà mai vero!!! Ciao Gunther e grazie per le tue chicche.

    RispondiElimina
  2. Gran bel post. Per ovvie ragioni di esigenze contingenti lo giro subito a chi in famiglia ha già un barattolo di 3 anni che "detta" le sue preferenze in cucina ehehehe ma ti dirò che è servito molto anche a me. Personalmente guardo subito alla presenza dei grassi idrogenati, poi mi concentro sugli zuccheri. Per il resto sono come un bambino anche io...penso al numero di biscotti e non al loro peso...e quindi il conto delle calorie facilmente se ne va a farsi benedire!! ahahahaa :)))
    Grazie sempre per questi post Gunther!

    RispondiElimina
  3. Grazie Gunther, ottime indicazioni per piccoli e grandi!

    RispondiElimina
  4. Carissimo, i tuoi consigli sono utilissimi per tutti!!! Complimenti per il post, un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Qui in Romagna hanno proposto distributori di frutta fresca nelle scuole, non ho bambini e non so se ci sono già. D'altronde Cesena è famosa per la frutta!
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Grazie mille, è difficilissimo mediare il buono, il sano, il goloso e ... la pubblicità!!!! Poi impazzisci a fare le cose a mano, e loro magari non le mangiano perchè non sono "uguali alle figure"... uffa!!!

    RispondiElimina
  7. AHHH non son piu una bambina ma.. queste informazioni sono troppo utili grazie!!!!
    L'altro mentre ero al supermercato mi son messa a leggere le etichette e non mi staccavo piu..in ogni merendina biscotto c'era qualcosa di malsano.


    Opto per i biscotti fatti in casa... peccato non avere tempo!
    grazie
    vale

    RispondiElimina
  8. Concordo con te: sempre meglio abituare il bambino ai sapori dei frutti e soprattutto abituarlo ai sapori delle cose fatte in casa, che siano torte o biscotti. La preferenza la darei principalmente a torte secche e biscotti non farciti, anche nei bambini, perchè così si piò ridurre l'apporto di grassi e colesterolo. Sono una dietista e spesso mi chiedono consigli su cosa mettere nel carrello della spesa, soprattutto per la prima colazione e i consigli che do sono gli stessi che dai tu.
    Complimenti per il blog, che è molto interessante.

    RispondiElimina
  9. io credo che se si fa un discorso esclusivamente di salute fisica sarebbe decisamente meglio fare i biscotti a casa o anche non farli per niente e abituare i bimbi al muesli e ad altri cibi più sani, ma siccome la salute è anche gioia degli occhi e del cuore, l'allegria dell'anima e il piacere del confronto e della condivisione, penso che qualche "troiaio" ai bambini ogni tanto faccia bene(in toscana, se riferito al cibo, dicesi troiaio un cibo di dubbia qualità/gusto/igiene...)

    Voglio dire, un bambino che non ha mai potuto assaggiare la Nutella o la Coca Cola o le patatine fritte (io per esempio li ho conosciuti da adolescente =) sarà un bambino più sano di chi invece li ha mangiati? Ne siamo così sicuri?

    Penso che sia importante trovare un equilibrio, è giusto stare attenti all'alimentazione dei bambini ma non bisogna correre il rischio di diventare talebani, pena creare loro altri problemi, come minimo alimentari...

    RispondiElimina
  10. io ho due figli e, fin da quando erano piccolissimi, io e mio marito abbiamo sempre cercato di abituarli alle verdure e alla frutta e ci siamo anke riusciti! il problema è quando iniziano a crescere e ad avere una "vita sociale", allora lì le cose si complicano un pò, e, sono d'accordo con cavoliamerenda, bisogna dare un colpo al cerchio e uno alla botte, ma soprattutto secondo me, se li priviamo di "qualche troiaio" (non lo avevo mai sentito ma penso che entrerà di diritto nel mio vocabolario!) tipo quelli citati sopra, a volte rischiamo di ottenere l'effetto opposto.
    Per cui secondo me bisogna cercare di indirizzare i bambini nelle loro scelte, tra tanti biscotti e merendine dare la possibilità di scegliere ma avendo prima selezionato il ventaglio di proposte noi grandi.
    e poi non prendiamocela troppo se succede come a casa mia quando preparo i croissant di paoletta per merenda, il piccolo li assaggia e poi mi dice:" buoooni ma... adesso posso mangiare la Mia Bauli???" (che è la sola merendina che gli è consentita)

    RispondiElimina
  11. Recentemente sono stata ad una conferenza sulla spesa consapevole, ci è stato consigliato di acquistare quei prodotti che hanno al massimo cinque ingredienti in etichetta.
    Secondo me può essere un buon suggerimento (meno ingredienti, meno pasticci)
    Per quanto riguarda i biscotti, qualcosa si trova!

    RispondiElimina
  12. Veramente interessantissimo tutto ciò che scrivi !!!
    Sono stata assente e ho letto anche gli arretrati. Grazie!!!

    RispondiElimina
  13. Difficilissimo questo innocente post,è veramente un gran casino scegliere.Per quanto si faccia attenzione, è difficile.Non tutte le mamme hanno tempo di far biscotti in casa, è vero ci mettono poco a cuocere,ma intanto devi impastare, e avere lo spazio per farlo,formarli,e son piccoli e ci vuole tempo, cuocerli, e devi stare attenta a non distrarti sennò bruciano in un attimo. Posso solo dire la mia esperienza con due figli,"vinti"assieme al padre e avevano 6 e 8 anni:Fette di pane con marmellata, zucchero e acqua, nutella. in estate pomodori e olio. e poi discorsi "normali"con accenni mirati alla qualità delle merendine della pubblicità,a quanto crederci agli spot..Acrobazie verbali dettate dall'istinto e dal momento,onestamente non saprei ripeterle.
    Puntiamo sullo snobismo, siamo diversi, siamo meglio,siamo più eleganti, che ci frega di quello schifo di saccottino; io ho fatto così,caffelatte e pane, e i biscotti pochi pochissimi," che mica sappiamo cosa c'è dentro"quindi solo quelli che riuscivo a fare o che mi regalava mia suocera,o mia mamma.Son cresciuti benissimo.

    RispondiElimina
  14. La lista può essere brevissima,ma è la qualità di quei pochi ingredienti che mi turba.Quest'inverno un noto biscottificio a due passi da dove abito usava olio minerale da motori riciclto per ungere le teglie, la giustifica? Non si attaccavano...

    RispondiElimina
  15. Il problema e`che i biscotti io li faccio pure in casa.....ma quelli industriali in un modo o nell'altro arrivano comunque e spesso sono preferiti! Comunque penso anche io come Cavoliamerenda che si debba cercare il giusto equilibrio, non vietare in assoluto ma cercare di limitare i danni!
    francesca

    RispondiElimina
  16. Sono in linea con il pensiero di "cavoliamerenda". E nel rispetto dell'equilibrio credo proprio che il tuo post sia utilissimo

    RispondiElimina
  17. Personalmente non ho grossi problemi visto che ho figli adolescenti e le merendine non interessano più tanto, anzi cominciano a camminare e a chiedere cosa fa più o meno male. Pero' certamente quando capita di prenderle la prima cosa che guardo è che non ci siano grassi idrogenati so che sono micidiali.
    Grazie per questo post, utilissimo a tutti.
    ciao

    * Scrivi libri??

    RispondiElimina
  18. molto interessante... speci per chi è cresciuto a biscotti di novara e marmaellata :) tutto rigorosamente fatto in casa... (i biscotti a volte li compravamo al biscottificio però...), interessante anche il post sullo yogurt. Un po' di consapevolezza in più male non fa... Vielen Dank!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi