venerdì 22 gennaio 2010

La metabolomica al servizio della nuova dieta nordica, per indagare sulle qualità nutrizionali degli alimenti


Qualche mio lettore un po' più "sgamato" si ricorderà della polemica tra Dieta Mediterranea e Dieta Nordica, lanciata all' Universita di Aarhuis che sosteneva la validità della dieta nordica rispetto alla dieta mediterranea, per dimostrare la qualità dei prodotti nordici si doterà di un nuovo strumento di indagine la metabolomica, attraverso l'utilizzo della risonanza magnetica nucleare.

Sappiamo bene che certi cibi sono buoni per la salute perché contengono sali minerali, vitamine, o hanno altre qualità, ma non abbiamo visione globale delle loro qualità. Hanne Christine Bertram, Facoltà di Scienze agrarie, Università di Aarhus, ha ricevuto una sovvenzione circa 650.000 euro dal Consiglio danese per la tecnologia e l'innovazione per svolgere la sua ricerca sulla qualità e sul valore nutrizionale degli alimenti. Infatti, i livelli di vitamine, minerali, antiossidanti, aminoacidi, fibre, acidi grassi o altre sostanze presenti negli alimenti hanno effetti sul metabolismo umano che devono essere ancora studiate.

Hanne Christine Bertram utilizzerà la risonanza magnetica nucleare, che viene regolarmente viene regolarmente utilizzata nel campo della farmacologia e tossicologia, ma è poco utilizzata per l'alimentazione o gli alimenti. "Ci sono molte più probabilità di scoprire qualcosa di nuovo con questo metodo, dato che fornisce una visione generale" spiega Christine Hanne Bertram.

"L'uso di potenti strumenti di indagine come la metabolomica basata su NMR per creare un profilo metabolico di alimenti e fluidi corporei (saliva, sangue e urine) ci permette di effettuare studi integrativi si concentra sulla qualità del prodotto alimentare e la sua qualità degli alimenti e della nutrizione. Questo ci permetterà di comprendere meglio le relazioni che collegano le caratteristiche dei prodotti, il loro valore nutrizionale e alimenti di qualità"

La tecnica NMR sarà sviluppato per misurare la qualità dei prodotti danesi come frutta e verdura, saranno esaminate le varietà, le condizioni di crescita, la raccolta e le condizioni di conservazione. La tecnica sarà utilizzata anche per analizzare la qualità del latte, la carne di maiale. Inoltre, la tecnica è utilizzata anche per analizzare i fluidi corporei. "Integrare le informazioni sulla composizione degli ingredienti, il loro effetto sul profilo metabolico dei consumatori (ossia il loro valore nutrizionale) e le loro qualità nutrizionali di ottimizzare la produzione di materie prime, con un effetto benefico sulla salute e una migliore qualità alimentare ", conclude Hanne Christine Bertram.

Siamo molto contenti di questo strumento di indagine, tranquilli comunque anche in tanti centri si che viene utilizzato anche in Italia per esempio in Trentino dall'istituto di San Michele dell'Adige , ....

Fonte: Università Aarhuis, Facoltà di Agricoltura, bulletins-electroniques

4 commenti:

  1. Interessante modalità complementare di indagine. Quantomeno per avere una prospettiva inedita ed una analisi con più elementi a sostegno.
    Grazie della news ovviamente.
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  2. mi sembra un indagine molto interessante per gli alimenti

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il tuo lavoro. Ti chiedo la possibile ricaduta pratica di questa metodica. Sarà Il nuovo business, dopo i test per le intolleranze alimentari?

    RispondiElimina
  4. Scusami se ti risoondo con ritardo ma sui post scritti dopo due anni ho avviato la moderazione, dopo questo comunicato ci hanno fatto sapere cose poco interessanti, sì potrebbe anche diventare un nuovo business anche se non ne ho un opinione positiva al momento i risultati sono discutibili

    ciao e grazie

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi