giovedì 28 maggio 2009

Una buona e corretta masticazione come strumento di prevenzione dell'obesità

Ho partecipato ad una conferenza in questi giorni, che ha come tema la prevenzione dell'obesità, alcuni medici hanno sottolineato i vantaggi di una buona e corretta masticazione. In sintesi più si mastica, più si mangia lentamente, maggiore è il senso di sazietà, dato che lo stomaco percepisce in ritardo il senso di sazietà, stimato in 10-20 minuti.

Ad affermarlo è il Dr. Arnaud Cocaul, nutrizionista presso l'ospedale di Parigi Pitié -Salpêtrière, che ha scritto su questo argomento un libro edito da Thierry Souccar Edizioni. La masticazione è essenziale per stimolare la salivazione, migliorare la digestione e fornire un buon grado di sazietà. "Il più si mastica e meno si mangia", ha affermato il Dott. Laurent Chevallier, uno specialista in nutrizione.

Personalmente penso che non è solo un problema di educazione, ma la tendenza o l'abitudine a masticare sempre meno è legata ai prodotti agroalimentari sempre più trasformati, pronti da mangiare, sempre più morbidi, che hanno fatto perdere la struttura dei cibi, come piatti pronti, hamburger, frullati "pronti da consumare", ecc. Il cibo è sempre più morbido tanto che non c'è il tempo di assaporare e di gustare e di conseguenza si mangia di più o come dice ma mia amica Cynthia, non gustiamo quello che mangiamo.

Una buona e corretta masticazione:
- aiuta a regolare meglio il senso di fame e sazietà
- favorisce una migliore digestione e aiuta a ridurre eventuali problemi legati al gonfiore intestinale.
- aiuta la corretta funzionalità di stomaco e intestino, lavorano meno e ne guadagnerebbe la circolazione sanguigna.
- un migliore flusso di sangue al cervello.
- aiuta a ridurre il rischio di recidiva del carcinoma della mammella lo afferma il professor Vincenzo Castronovo, Università di Liegi, in Belgio.

Fonte: Lemonde, Le Régime mastication (Thierry Souccar Editions)

4 commenti:

  1. non ci avevo mai pensato, sono sorpresa

    RispondiElimina
  2. Le ultime generazioni sono state abituate ad ingurgitare solo schifezze fin dalla tenera età, per pigrizia dei genitori e per di più manca anche leducazione fisica . Non mi meraviglio di vedere adolescenti e (purtroppo) anche bambini, soffrire di obesità.

    RispondiElimina
  3. ciao gunther,
    il mio vecchio amico dietologo mi disse tanto tempo fa che bisognerebbe masticare almeno 40/50 volte un boccone, prima di inghiottirlo, primo perchè lo stomaco non ha i denti :-) e poi perchè si mangia molto meno e si evitano un sacco di problemi al sistema gastrointestinale.
    ti dico la verità, io non riesco mai a rispettare questa regola, ma quando lho dovuto fare per motivi di salute, si è rivelata una panacea per nolti problemi, dieta inclusa!
    ciao
    babs

    RispondiElimina
  4. Invece io sono una delle creature più lente a mangiare che conosca... ;-) seriamente parlando, solo mia sorella e una mia carissima amica mangiano più lentamente di me. e guarda caso, sono entrambe magre (la mia amica forse troppo in verità). domani il geriatra che scrive sul blog che coordino parla proprio di obesità da un punto di vista medico. dacci un occhio, Gunther, se hai tempo: sicuramente ci troverai diverse delle informazioni che hai appreso durante il convegno. a me ha colpito in particolare la faccenda dell'indice di massa corporeo: ho sempre pensato di essere normopeso, invece ho scoperto di essere sotto la media e, posso giurarlo, non sono filiforme. il che mi ha fatto capire una cosa: se un sacco di gente è sovrappeso se non già obesa, vuol dire che mangia davvero male e troppo! e dire che in molte parti del mondo la carestia non dà tregua ma anzi... bisognerebbe rifletterci più spesso: un domani l'obesità potrebbe fare più morti del fumo da sigaretta!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi