lunedì 11 maggio 2009

Skipper Vitalitas

Si avvicina l’estate ed è iniziata la guerra della bevande tra le aziende alimentari, investimenti pubblicitari, eventi per accattivarsi le simpatie e i giudizi positivi dalla stampa, del web ma sopratutto dei consumatori. Sembra una guerra di frutta (di quale frutta non è molto chiaro) più che di bevande, tre le linee principali :

1. I prodotti di 4°gamma superfreschi con scadenza breve come i Frullati Dimmidisi, Solfarm,che troviamo dove ci sono le insalate già pronte.
2. I prodotti da banco frigo come Chiquita frullati, Valfrutta frullati, Parmalat smoothie, Santal(sono posizionati come le spremute d'arancia) leggermente pastorizzati, scadenza 15-20 giorni.
3. I succhi di frutta classici, se cosi si può dire a lunga scadenza. Proprio tra questi arriva la svolta salutistica di Zuegg con Skipper Vitalitas.

Con la crisi finanziaria in atto, anche la categoria dei succhi di frutta registra delle vendite in recessione o per lo meno in generale il consumo non cresce e tende a diminuire, la pressione delle promozioni si fa sentire tanto che 3/4 delle vendite avvengono tramite le promozioni, la nascita di linee salutistiche come Santal 5 colori, Yoga Aq antiossidante, Derby blue zero, vannno viste come un tentativo d'innovazione e il recupero del margine di redditività per non essere compressi dalle promozioni, ma risulta una leva difficile per le aziende un percorso al quale non sono abituati ed è facile prendere lucciole per lanterne e scoprire che il settore degli alimenti funzionali può fare anche male.

Il marchio Zuegg è sempre stato fino a qualche anno fa l’azienda leader ed innovatrice dei succhi di frutta, ricordo nel 1978 le prime spremute al 100% nel reparto dei freschi, le spremute d' arancia rossa, nel corso degli anni però questa azienda ha perso smalto, creatività secondo me da azienda che era in grado di anticipare i nuovi trend che tutti imitavano e seguivano come esempio è divenuta un’azienda che mio parere sembra rincorre il mercato, nonostante oggi abbia un fatturato di euro di 173 milioni.

Forse un po' di mesi fa' è suonato il campanello d’allarme, nuovi competitor all’orizzonte Rauch, Pago, Chiquita, Dimmidisi, Valfrutta, Parmalat innovano con proposte gradite ai consumatori, prima Zuegg lancia Frulli il 100% frutta senza aggiunta di acqua, ai gusti classici come albicocca, pesca e pera, ( personalmente l'ho trovato troppo denso), poi succhi.it i suchi con frutta italiana, ora ci prova con un nuova linea che sembra prendere le distanze dalla precendete produzione : Zuegg Skipper Vitalitas. Ideata per il target femminile 25-45 enni (perché bevono solo loro? Non potrebbe interessare altri target? E' questo il target che ha problemi?) viene presentato, come ho letto, come una linea di bevande funzionali per risolvere "benefici psicofisici" (addirittura anche meno, conosco molte donne 25-45enni perfettamente equilibrate, credo che questo concetto vada spiegato meglio, quali sarebbero questi benefici?) per colmare le carenze quotidiane di nutrienti. (e quali sarebbero queste carenze e perchè? "Sono certo" che non fanno leva sul complesso di colpa delle carenze nutrizionali?).

- Melograno e uva con estratto di tè rosso per una “naturale” azione antiossidante
- Pompelmo rosa e mirtillo rosso con estratto di te bianco per una “naturale” azione depurativa
- Agrumi& starfruit con estratto di ginseng per una “naturale” azione energizzante
- Frutta tropicale e banana con estratto d’angelica per una "naturale" azione equilibrante.

Un po’ un misto tra Acqua Rocchetta Elisir, la bevanda Coco Cola janchì, Vitasnella fit-drink però molto vicina alla linea Tropicana Essentiel (avranno preso magari spunto da questa linea?). Mi chiedo se hanno per caso degli studi sul prodotto che dimostrano le azioni antissossidanti, depurative, energizzanti, ed equilibranti, non tanto degli ingredienti ma dei prodotti skipper vitalitas? In etichetta c'è scritto da unire ad una alimentazione varia ed equilibrata con attività fisica, mi sorge spostaneo un dubbio, ma allora a cosa serve Skipper, perchè sappiamo già che dieta varia ed equibrata insieme ad un esercizio fisico costante svolge già queste azioni.

In una intervista su GDO WEEK n.470 del 23 Febbraio 2009, si parla di completa "naturalità" dei prodotti, io di naturale conosco solo i sassi, di un prodotto trasformato si può parlare di naturalità? Siamo proprio certi e sicuri che bere un bicchiere di skipper sia come bere della frutta fresca?

Le immagini però qui sotto parlano chiaro dei riferimento del prodotto, donne in perfetta forma avvolte dalla buccia di frutta per stare in forma, basterà?


Quello che posso dire e che mi lascia molto interdetto è che Zuegg è un marchio molto conosciuto all’estero ha aspettato dieci anni rispetto ai concorrenti per una linea salustica? Da un azienda come Zuegg mi aspettavo qualcosa di meglio, posso dire che personalmenete non ho compreso il carattere innovativo della proposta e i relativi benefici della salute nella comunicazione, forse andavano spiegati meglio.
Ho acquistato passando per caso da Como, Skipper vitalitas pompelmo rosa e mirtillo rosso + estratto di tè bianco, la confezione non è da un litro ma da 750 ml. al costo 1,85 euro al litro 2,33 euro. Zuccheri 10,7gr. per 100gr, però, mentre viene comunicato succo di melograno e mirtillo rosso nell'indicazione sul retro si scopre che è una bevanda all'uva, pomplemo rosa e mirtillo rosso, il succo di uva è il 48% il primo ingrediente, il succo di pompelmo rosa 45%, succo mirtillo rosso 5%, non polpa, non spremuta ma succo, chissà se per curiosità c'è dell'acqua in questo succo? Contenuto di frutta 98% come lo debbo leggere, non riesco a capire? C'è qualcosa che a livello di comunicazione non comprendo, io ricordo che i succhi di frutta hanno una buona percentuale di acqua che può variare forse ho compreso male! Nel complesso il sapore non è male, per il mio gusto ma si allinea più ai prodotti Santal Fruit Therapy che a uno Smoothie al 100% frutta.


Fonti: Mark Up, Beverfood Immagini tratte dal sito SkipperJuice di proprietà del medesimo

6 commenti:

  1. Non amo i succhi di frutta industriali che trovo iperdolci, compresi quelli senza zuccheri aggiunti.
    Sinceramente mi sto ancora chiedendo a cosa servano...poichè quando li bevi ti fanno venire ancora più sete e ti fanno ingurgitare calorie vuote.
    preferisco di gran lunga un bel bicchiere di acqua minerale con una fettina di limone!

    RispondiElimina
  2. meglio una bella spremuta di pompelmo rosa, tutto questo contenuto di succo s'uva nelle bevande non mi piace, io volgio il pompelmo rosa il mirtillo rosso

    RispondiElimina
  3. per un caso di omonimia è stato tolto un commento a metà luglio, che tuttavia non conteneva nulla di offensivo ma metteva in rilievo l'importanza della frutta fresca e dell'importanza della frutta a KM zero.

    RispondiElimina
  4. io ho provato skipper vitalitas sulla etichetta hanno scritto 98% di frutta, ma era molto acquoso mi sembrava di bere una bevanda al 30% di frutta e non un succo al 98% di frutta

    RispondiElimina
  5. pointless_nostalgic10 gennaio 2010 21:43

    Non so quale sia l'esatto contenuto...ma lo adoro!! Il gusto per me è delizioso! Ho finito 750 ml di Pompelmo Rosa&mirtillo rosso nel giro di un paio d'ore!! Adoroooooooo :) Mi farà male troppo? ;)

    RispondiElimina
  6. Io amavo molto quello alla banana e frutti tropicali, che era molto denso rispetto agli altri. Purtroppo nella nuova linea l'hanno tolto..

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi