giovedì 22 maggio 2008

Il marketing ambientale sostenibile ed ecologico: la coscienza verde in libera vendita

Quando vado in giro o cammino per strada sono circondato da una marea di prodotti e marchi grandi e piccoli che comunicano sostenibilità, attenzione all’ambiente e giurano e spergiurano sulle loro ecologicità, dalla stampanti e inchiostro per il pc, alla carta igienica, ai voli aerei e alla auto. Il dubbio sorge, ma sarà vero? Ma se è tutto cosi ecologico perché non lo certificano? Ecologico ? Dimostratelo!

L’attenzione dei consumatori verso economia e stile di vita ecosostenibili o ecocompatibili, e l’aumento del prezzo del petrolio ha sensibilizzato l’opinione pubblica e molte aziende si sono affrettate nell’includere nella comunicazione la propria attenzione all’ambiente con diverse modalità.

Tra le più diffuse è quella di compensare le emissioni di CO2 con l’acquisizione o la partecipazione in progetti per la riduzione dei gas, questa forma di compensazione permette di avere una buon impatto a livello d’immagine e acquisire una buona coscienza, ma non stimola a modificare il proprio modo di vivere e produrre eco e sostenibile.

Quello che manca è un sistema di controllo e di verifica di queste notizie. Facciamo un esempio nessuna azienda indica come compenseranno le emissioni di gas, che diano informazioni su luogo data e modalità con cui effettuano tale compensazione, per potere misurare l’effettiva riduzione delle emissioni.

È molto difficile dimostrare i cosiddetti programmi di re-forestazione degli alberi, non dimostrano mai di piantarli, ma soprattutto non è sufficiente dire di piantare degli alberi, non compensano le tue emosioni di CO2 subito, bisogna aspettare che gli alberi crescano e che abbiano l’effettiva capacità di contrastare l’effetto del CO2, perchè nel tempo sono a rischio di secchezza, malattie e incendio. Bisogna che tale procedura sia trasparente, flessibile e semplice oltre che vera.

Un aiuto potrebbe venire dalle certificazioni dell’Unione Europea come Ecolabel per i prodotti o Emas che certifica l’efficienza ambientale e anche le cerificazioni Iso. Le certificazioni sono un ottimo strumenti di marketing se adoperato in maniera corretta e possono essere utili a rendere il prodotto e l’azienda più competitiva sul mercato ma sono ignoti ai consumatori, anche perché non si vedono.

In Italia risulta che sono solo 200 le licenze Ecolabel e 800 le aziende certificate Emas. All’estero a queste certificazioni istituzionali si sono affiancate certificazioni private di forte impatto come Climat mundi, Action carbone, che sono in grado di dimostrare che quando asserito nella comunicazione corrisponde a verità. Ottenere una certificazione è importate ma ancora di più è comunicarlo in modo idoneo perché il consumatore diffida sempre e non sempre ha torto.

Info: Apat agenzia governativa

10 commenti:

  1. credo che molte aziende parlano di ambiente ma ne sanno molto ma molto poco

    RispondiElimina
  2. richard.pramotton22 maggio 2008 18:42

    troppe volte su questo argomento le aziende eclissano a paroel sono tutti ecologici

    RispondiElimina
  3. mi piacerebbe sapere la coerenza di questo paese dove tutto è ecologico e biologico e intanto si fa stada il nucleare

    marta "sconsolata"

    RispondiElimina
  4. E' che ormai parlare d'ambiente è diventato una moda; spesse volte però dietro questa parola c'è il vuoto più assoluto. Buona Serata Laura

    RispondiElimina
  5. Si ha l'impressione che ecologico, sostenibile, siano elementi del packaging un modo per attrarre consumatori e non un gesto di consapevole attenzione all'ambiente. Solo le certificazini possono aiutarci a premiare chi si preoccupa per il futuro.

    RispondiElimina
  6. Secondo dubitare sempre, anche se dobbiamo imoparare a differenziare le aziende che ci credono e che fanno è quelle che raccontano un mucchio di balle

    marzia ferri

    RispondiElimina
  7. Interessante il tuo sito, passer; spesso!
    ciao

    RispondiElimina
  8. sai che mi perdo nella lettura dei tuoi post!?!?!?
    interessantissimi ;)
    buon lunedi

    RispondiElimina
  9. Blog molto interessante, tornerò a trovarti, magari con la torta di mandorle.
    Ciao heidi

    RispondiElimina
  10. Molto interessante questo articolo e in generale tutto il sito.Complimenti.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi