domenica 16 marzo 2008

Save our bacon

Londra, mentre in Francia si allarga la zona di produzione dello Champagne per fare fronte a una maggiore domanda e si richiede la tutela la propria cucina e l'agricoltura ricorrendo all'Unesco, in Regno Unito si è alle prese con un altro problema. In questi gironi è iniziata la campagna "SAVE OUR BACON" , supportata niente poco di meno da Sir Terence Conran, Tom Parker Bowels, Gordon Ramsay.

Alle ragioni di qualità e di tipicità locali si sono sommate ragioni di tipo economico globali . Che vede gli allevatori inglesi sotto pressione tra il prezzo basso della materia prima e l'alto costo d'allevamenti, tanto che le aziende di trasformazione preferiscono utilizzare carne che arriva dall'estero che ha un prezzo più basso. A gravare la situazione già di se difficile è stato il prezzo del grano, basta pensare che il prezzo del frumento è raddoppiato nel giro di un anno e la scelta di molti agricoltori di riservare la produzione di cereali per produrre biocarburanti, hanno fatto aumentare i costi di allevamento.

I Suinicoltori lanciano un appello all'acquisto pancetta fatta con maiali britannici o saranno costretti a chiudere. Dal 1998 ad oggi il numero dei suinicoltori si è dimizzato. L'anno scorso gli agricoltori britannici hanno prodotto 808.000 tonnellate di carne di maiale e pancetta mentre 751.000 tonnellate sono state importate. Quest'anno le importazioni supereranno la produzione interna. La scomparsa del maiale inglese è vicina e pancetta British diverrebbe una rarità.

Effetti della globalizzazione e della nuova economia mondiale, che esige delle risposte da parte delle economie locali con dei nuovi strumenti, non credo che i programmi economici di finanziamento o di solo consumo locale aiutino, occorre invece dare delle risposte politico ed economiche nuove.

3 commenti:

  1. comprendo lo shock "inglese" e in italia come siamo messi? non è che anche da noi il 50% sono maiali esteri e che il suino padano è solo uno specchio per le allodole

    RispondiElimina
  2. gli inglesi mi sembrano un po troppo legggeri, dovrebbero essere abituati a merci che arrivano da ogni dove, ora si stupiscono che avranno una pancetta non inglese ..., mi sembra una polemica un po cosi tanto per fare

    RispondiElimina
  3. Che lo spirito della Pasqua aiuti a trovare la gioia
    nelle piccole cose e che doni la fede nel Signore
    che ha dato la vita per la nostra salvezza.

    Serena Pasqua...

    pulvigiu.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi