lunedì 12 novembre 2007

Le mucche sotto accusa per le emissioni di "gas"

Gli ambientalisti dopo avere inveito contro automobili, aerei, riscaldamento, frigoriferi, nella loro battaglia per salvare il pianeta, ora sostengono dati alla mano che il gas metano prodotto dalle mucche potrebbe essere la minaccia più potente del clima. Non sto scherzando giuro, ne hanno parlato il Times, Guardian, e in Regno Unito infiamma una polemica.

Nel tentativo di avvicinarsi a un ecomonia verde, c’è chi ha smesso l'auto, chi ha annullato la vacanza all'estero, chi separa la spazzatura, chi si riscalda con energia solare. Ma tutti questi cambiamenti non sono sufficienti. E 'il consumo di carne bovina e del latte, secondo la ricerca, che sta facendo più danni al pianeta. Questa dichiarazione provoca uno scontro tra ambientalisti e agricoltori senza precedenti. Dovremo rinunciare alla carne e al latte?

Le mucche producono metano, un gas a effetto serra molto nocivo. Pare che una tonnellata di metano provoca 23 volte di più del riscaldamento di una tonnellata di biossido di carbonio, secondo il Protocollo di Kyoto. Gli animali d'allevamento producono 18% delle emissioni di gas serra, che superano il 13,5% cifra di quello prodotto dai sistemi di trasporto.

"Un mangiatore di carne, che guida un auto fa più danni di un vegetariano che guida un auto,” dice Caryn Hartglass, direttore esecutivo del ambientale gruppo Earth Save. "Se tutti rinunciano a carne e al latte, domani, ci sarà un miglioramento del pianeta e del clima entro una generazione"

Dopo queste affermazioni gli agricoltori britannici sono in rivolta “Siamo sempre stati una nazione che ha mangiato carne ed è irresponsabile consigliare di eliminarla dalla propria dieta il pascolo del bestiame è anche essenziale per la vita rurale, che ne sarà dell’agricoltura britannica?”

Oggi, le persone sono molto consapevoli di come , uno stile di vita può fare la differenza per l'ambiente. Gli agricoltori, non ci stanno, e dopo afta epizootica, BSE, maltempo, l'aumento delle spese di carburante e la pressione sociale per mantenere al minimo i costi sono in agitazione!

"Allevamento di bovini è già in calo " spiega il portavoce degli agricoltori Vicye Rogers. "Io non sto sottovalutando l'impatto del metano per l'ambiente, sto solo dicendo che abbiamo bisogno di più ricerca e soprattutto non si può come e quando si vuole, sparare slogan ai media verso una categoria".

La National Farmers' Union, cerca di buttare acqua su fuoco, ritiene che il nocciolo della questione non è il consumo o l’allevamento della carne bovina, ma il controllo dei livelli di metano, ad esempio, facilmente raggiungibile attraverso il cambiamento della dieta delle mucche.

Il Dipartimento per l'Ambiente, Food and Rural Affairs ha commissionato uno studio per determinare le cause. La preoccupazione è che le mucche abbiano dei problemi intestinali nati dalla difficoltà di digerire l’erba.

Un analogo studio in Nuova Zelanda ha già dimostrato che la modifica della composizione del mangimi può ridurre la produzione di metano fino al 50%.

Alcuni di coloro che traggono profitto dalla settore stando dando molta importanza al finanziamento della ricerca. Ben & Jerry's, che si basa sul latte per la fabbricazione dei suoi gelati, è intenzione di diventare "clima neutrale" - tenendo conto di altri gas a effetto serra di CO2. Ed è £ 1,63 milioni la somma da investire nei prossimi cinque anni per raggiungere questo obiettivo, per fare ridurre le emissioni di gas metano.

Anniek Mauser, un portavoce della società, dice: "Noi non possiamo smettere di fare ciò che proviene dalle mucche, naturalmente, ma si può lavorare sulla riduzione delle emissioni di metano - cambiando l'alimentazione degli animali."

Ben & Jerry's si aspetta che gli altri a seguire il suo esempio.

statistiche : Climate Care (http://www.climatecare.org/) e
Energy Saving Trust (http://www.energysavingtrust.org.uk/).

6 commenti:

  1. se la notizia è verà è clamorosa, ma molto molto divertenze sulle puzzette delle mucche, ci ho riso tutta mattina.
    compliemnti
    paolo de rica

    RispondiElimina
  2. mah non è uno scherzo?

    RispondiElimina
  3. non sono le mucche responsabili dell'inquinamento ma dei buoi

    RispondiElimina
  4. in realtà non sono le mucche il vero preblema ma tutto quella che sta intorno all'odierna concezione di allevamento e produzione di carne.
    per capirci per aumentare il numero di capi in un allevamento c'è bisogno di + foraggio, quindi un aumento della deforestazione , poi i trasporti e così via

    RispondiElimina
  5. il titolo voleva essere in tono ironico, sono convinto che è tutto il sistema che ruota intorno all'allevamento la causa, la responsabilità non è assolutamente delle mucche ci mancherebbe altro

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi