lunedì 4 giugno 2007

Brasile e il mercato del vino

Brasile

Meno noti dei vini cileni e argentini, i vini brasiliani stanno ottenendo dei riconoscimenti importanti all’interno del settore enologico. Nessuno meglio di Adriano Miolo AM, produttore e enologo di fama internazionale, può raccontarci il Brasile vitivinicolo www.miolo.com.br

Quanta superficie del territorio brasiliano viene coltivata a vite?
AM: All’interno dell’immensità del paese i 94.000 ettari rappresentano solo il 20% della superficie coltivata. La coltivazione dell’uva è ancora poco nota, soprattutto nei brasiliani. Il vino più consumato è il sangue di Boi, un vino dolce, anzi molto dolce e a buon mercato, ma tende piano piano a scomparire dai bar e dai ristoranti per fare posto a vini più pregiati.

In che zona del Brasile c’è la produzione di vino?
AM: La produzione di vino si concentra nella regione del Rio Grande del Sud, una zona montagnosa dove sono presenti il 90% dei viticoltori brasiliani.

Ci sono delle aree riconosciute come in Europa?
AM:Si a Bento Golcaves che è la capitale vitivinicola e dell’enoturismo, si trova nella valle dos Vinhados, nota come la valle dei vigneti, un area tipo la vostra DOC in Italia, a denominazione controllata, riconosciuta anche dall’Unione Europea, noi brasiliani sono stati i primi in Sudamerica a vedere riconosciuto tale diritto.

Quando è avvenuto il più importante miglioramento?
AM: dal 1995 data dell’adesione all’Istituto Internazionale della vite e del vino, ci sono stati dei miglioramenti qualitativi significativi. Soprattutto grazie alla forza di perseveranza di noi immigrati italiani, siamo andati a studiare in Europa, abbiamo appreso nuovi metodi, che hanno permesso un miglioramento qualitativo, che ha portato alla migliore annata del vino brasiliano nel 2005.

Sentiamo cosa ne pensa Ayrton Giovannini, ultimo rappresentante di una famiglia di viticoltori da tre generazioni, una azienda di 50 ettari a 720 m di altitudine www.dongiovanni.com.br

Quanta è la produzione di vino in Brasile?
AG: Nel 2006 217 milioni di litri, solo 4 vitigni, cabernet, pinot, merlot, chardonnay. I nostro vini sono più paragonati ai vini europei che ai vini del Sudamerica per il loro tenore di zucchero e alcool

Che tipo di vino produce?
AG: Io produco dei vini bianchi mossi, come i spumanti italiani, più o meno 80.000 bottiglie all’anno. Riusciamo a creare dei spumanti che possono essere competitivi sul mercato come i prodotti italiani e francesi, ma abbiamo un problema.

Quale?
AG: I brasiliani
Cioè? AG:Vede ma maggior parte del nostro vino viene esportato, i brasiliani sono dei grandi consumatori di birra 50 litri all’anno contro 1,5 litri di vino a persona, la maggior parte della popolazione non conosce il gusto del vino, soprattutto perché è molto caro, rispetto ad uno stipendio medio, senza esportazione il nostro vino rimarebbe in azienda.

1 commento:

  1. ho trovato interessanti le sue affermazioni sui nuovi mercati e sul vino in genere, una voce fuori dal coro, complimenti anche per la sincerità

    Vittorio Lancini

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi